Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 182-bis ∙ (Accordi di ristrutturazione dei debiti)


Fusione societaria
Tutte le MassimeCassazione
In generale
Natura dell'accordo di ristrutturazione
PresuppostiRequisiti soggettiviAdesione e consenso dei creditoriTacita adesione all'accordo di ristruttutazioneTermine per l'esecuzioneEffetti dell'accordo di ristrutturazioneRisoluzione dell'accordo di ristrutturazioneInadempimento all'accordo di ristrutturazione e presentazione di ricorso per concordato con riservaContenuto dell'accordoContinuazione dell'attivitàRapporti pendentiContratti pendentiCrediti contestatiEsenzione da revocatoria

Procedimento
Sindacato del tribunale
ProcedimentoTermine per l'integrazioneTermine per il deposito della documentazioneTransazione fiscaleRegistro impresePubblicazione nel registro delle impreseRelazione del professionistaNomina di un consulente del tribunaleRapporti con il procedimento per dichiarazione di fallimentoRicorso per cassazione

Opposizione e reclamo
Legittimazione e interesse
Intervento del pubblico ministeroCostituzione personale della parteDiniego di omologazione dell'accordo di ristrutturazione dei debiti

Altro
Protezione preventiva del patrimonio del debitore
Prededuzione dei finanziamentiProtezione cautelare del patrimonio del debitoreGruppi di impresePluralità di accordi di ristrutturazioneFusione societariaCondizione sospensivaFideiussione ai promissari acquirenti ex L. 122/2005Interessi di moraTrustAttività preparatoria del consulente aziendaleFinanziamentiSGR e fondi comuni di investimentoSoggetto esercente attività d'intermediazione finanziariaOscuramento di dati o documenti a tutela dell'attività di liquidazione


Fusione societaria

I poteri di indagine del Tribunale in caso di adr non opposti e criteri di calcolo ed individuazione, in caso di società non ancora incorporata all'atto della pubblicazione degli adr depositati dall'incorporante
Allorché la fusione non risulti completata (con l'ultima delle iscrizioni di cui all'art. 2504 c.c.) prima della pubblicazione nel registro delle imprese dell’accordo di ristrutturazione della società incorporante, il procedimento ex art. 182bis l.fall. deve intendersi riferito solo a tale società. Con la conseguenza che, ai fini del calcolo del quorum minimo del 60% e della individuazione dei creditori c.d. estranei agli accordi di ristrutturazione dei debiti, non vanno computati i creditori dell'incorporanda. (Antonio Pezzano) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 31 Luglio 2014.