Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 18 ∙ (Reclamo)


Legittimazione iure proprio dell'amministratore di società di capitali
Tutte le MassimeCassazione
Legittimazione iure proprio dell'amministratore di società di capitaliLegittimazione del socio di società di capitaliLegittimazione del socio illimitatamente responsabileLegittimazione di soggetto interessato diverso dal debitoreLegittimazione del liquidatoreIntervento nel giudizioRinuncia o desistenza dalla richiesta di fallimentoRichiesta del PM di accoglimento del reclamoContestazione di atti in frode in sede di reclamoAccertamento dello stato di insolvenzaProcedimentoNatura camerale del procedimentoImpugnazione per vizi processualiTermine per il reclamoDecorrenza del termine per il reclamoReclamo tardivoI'impugnazione del diniego di omologazione del concordato preventivoProroga del termine per la notifica dell'impugnazioneSospensione feriale dei terminiNotifica telematica di ricorso per dichiarazione di fallimentoLitisconsorzio necessarioLitisconsorzio necessario del socio occultoLitisconsorzio con i creditori istantiMancata comparizione della reclamantePrincipio del contraddittorioEffetto devolutivo del reclamoDeduzione di nuovi motiviPreclusioni al reclamante che non ha partecipato al giudizio di primo gradoDecadenza dalla facoltà di formulare le eccezioniPreclusioni probatoriePrincipio dispositivoDeduzione di mezzi di provaFatti sopravvenutiAstensione obbligatoria del giudicePoteri istruttori del giudiceInterrogatorio libero del curatore contumacePotere del tribunale di assumere informazioni urgentiOggetto della valutazione del giudice del reclamoNuovi elementi di valutazioneCarattere officioso del giudizioSospensione della sentenza dichiarativa di fallimentoEffetti della revoca del fallimentoImmediata esecutività della revoca del fallimentoRevoca del fallimento e compenso del curatoreResponsabilità del creditore istanteDichiarazione di fallimento e improcedibilità delle impugnazioni autonomamente proponibili contro il diniego di omologazione del concordato preventivoRigetto del reclamo e statuizione sulle speseRigetto del reclamo e ricorso per cassazioneSul regime delle spese di procedura in caso di revoca del fallimentoImposta di registroRegime transitorioAcquisizione d'ufficio del fascicolo della proceduraTermine per la costituzione della parte


Legittimazione iure proprio dell'amministratore di società di capitali

Fallimento - Opposizione a sentenza dichiarativa di fallimento - Legittimazione dell'amministratore di società di capitali - Legittimazione all'impugnazione - Qualità di parte - Necessità
L'articolo 18 legge fall., attribuendo a qualunque interessato la facoltà di proporre opposizione avverso la sentenza dichiarativa di fallimento, consente di riconoscere la relativa legittimazione, iure proprio, anche all'amministratore di una società di capitali, il quale, pur non essendo direttamente assoggettato al fallimento, in virtù dell'autonoma soggettività giuridica di cui è dotata la società, è portatore di un interesse concreto ed attuale alla rimozione della relativa pronuncia, per gli effetti che possono derivarne a suo carico sia sul piano morale che su quello patrimoniale, in relazione all'eventuale contestazione di reati o alla proposizione di azioni di responsabilità, per i quali sia tenuto a rispondere personalmente, nonché alle particolari restrizioni previste nei suoi confronti del combinato disposto degli articoli 49 e 146 legge fall. Tale interesse, pur consentendogli non solo di proporre opposizione alla dichiarazione di fallimento emessa nei confronti della società, ma anche di spiegare intervento nel giudizio di opposizione promosso da quest'ultima, per sostenere le ragioni da essa fatte valere, non gli attribuisce tuttavia, nel caso in cui non sia stato egli stesso a promuovere il giudizio, la posizione di soggetto legittimato ad impugnare la relativa sentenza: qualora vi abbia partecipato, il suo intervento è infatti riconducibile non già al primo, ma al secondo comma dell'articolo 105 c.p.c. e gli consente pertanto di aderire all'impugnazione proposta dalla società fallita, ma non di impugnare autonomamente la sentenza emessa nei confronti di quest'ultima, dove essa non abbia esercitato la relativa facoltà o abbia prestato acquiescenza alla sentenza impugnata; nel caso in cui non abbia partecipato al giudizio, la sua legittimazione all'impugnazione non è invece ricollegabile agli articoli 110 e 111 c.p.c., non rivestendo egli la qualità di successore a titolo universale o particolare della società fallita, con la conseguenza che trova applicazione la regola generale secondo cui la qualità di parte legittimata a proporre appello o ricorso per cassazione, come a resistervi, spetta esclusivamente ai soggetti che abbiano formalmente assunto la veste di parte nel primo precedente grado di giudizio. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 02 Ottobre 2015, n. 19727.