Diritto Fallimentare


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14671 - pubb. 07/04/2016

Tribunale Cassino, 07 Marzo 2016. Est. Raffaella Trovini.


Concordato preventivo – Effetti della presentazione del ricorso – Istanza di sospensione dei creditori procedenti ed istanza di improcedibilità dell’esecutato – Applicabilità



L’art. 168 L. fall. dispone testualmente che “dalla data della pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese e fino al momento in cui il decreto di omologazione del concordato preventivo diventa definitivo, i creditori per titolo o causa anteriore non possono, sotto pena di nullità, iniziare o proseguire azioni esecutive e cautelari sul patrimonio del debitore”. La procedura esecutiva intrapresa, dunque, non può proseguire a pena di nullità e deve esserne dichiarata la improcedibilità/nullità, disponendo lo svincolo di tutte le somme pignorate presso il terzo. (Antonio Simeone) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell'Avv. Antonio Simeone


Il testo integrale