LIBRO QUINTO
Del lavoro
TITOLO VI
Delle società cooperative e delle mutue assicuratrici
CAPO I
Delle società cooperative
SEZIONE III
Delle quote e delle azioni

Art. 2532

Recesso del socio
TESTO A FRONTE

I. Il socio cooperatore può recedere dalla società nei casi previsti dalla legge e dall'atto costitutivo. Il recesso non può essere parziale.
II. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con raccomandata alla società. Gli amministratori devono esaminarla entro sessanta giorni dalla ricezione. Se non sussistono i presupposti del recesso, gli amministratori devono darne immediata comunicazione al socio, che entro sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione, può proporre opposizione innanzi il tribunale.
III. Il recesso ha effetto per quanto riguarda il rapporto sociale dalla comunicazione del provvedimento di accoglimento della domanda. Ove la legge o l'atto costitutivo non preveda diversamente, per i rapporti mutualistici tra socio e società il recesso ha effetto con la chiusura dell'esercizio in corso, se comunicato tre mesi prima, e, in caso contrario, con la chiusura dell'esercizio successivo.

GIURISPRUDENZA

Società cooperative – Principio di parità di trattamento nella cessazione del rapporto – Sussistenza

Società cooperative – Recesso del socio per giusta causa – Insussistenza

Società cooperative – Recesso del socio per perdita volontaria dei requisiti di ammissione – Insussistenza
.
La norma dell’art. 2516 c.c., che prescrive che nella costituzione e nell’esecuzione dei rapporti mutualistici deve essere rispettato il principio della parità di trattamento, è volta ad evitare discriminazioni nell’attuazione del rapporto mutualistico e, sebbene faccia riferimento alle fasi della costituzione e della esecuzione, trova applicazione anche nella fase di cessazione del rapporto[1]. (Giustino Di Cecco) (riproduzione riservata)
 
L’art. 2532 c.c. - nel momento in cui prevede che il recesso è consentito nei (soli) casi previsti dalla legge o dallo statuto - conferma il «principio di tipicità» (già sancito dal previgente art. 2526 c.c.) delle cause di recesso, accordando il relativo diritto al socio solo in presenza di una specifica norma di legge o dell’atto costitutivo. Ne consegue che, in assenza di una clausola statutaria che indichi quali specifici inadempimenti addebitabili all’ente consentano l’esercizio del diritto di recesso, deve necessariamente concludersi che eventuali inadempimenti, ascrivibili al rapporto di scambio, posti in essere dalla cooperativa non giustificano il recesso da parte del socio e, dunque, lo scioglimento del rapporto sociale. L’opposta conclusione comporterebbe, del resto, una violazione del principio di parità tra i soci perché verrebbe consentito a (taluni) soci di sciogliersi dal rapporto sociale (con conseguente restituzione della quota sociale e di quanto corrisposto in conseguenza del rapporto di scambio derivante dal contratto di prenotazione) e, dunque, di sottrarsi agli oneri già assunti dalla cooperativa verso terzi; oneri che, inevitabilmente, finirebbero col gravare soltanto sui soci superstiti. (Giustino Di Cecco) (riproduzione riservata)
 
Il socio non può addurre come motivo legittimante il recesso, avvantaggiandosene, una circostanza da egli stesso volontariamente cagionata. Nell’ambito della perdita delle condizioni necessarie per concorrere al raggiungimento degli scopi sociali, non può essere ascritto uno stato di fatto al quale il socio stesso abbia volontariamente dato luogo ed occasione in tal modo disponendo egli stesso, in via potestativa, della facoltà di sciogliersi dal vincolo sociale. In tal modo, infatti, le ipotesi di recesso verrebbero ad essere sganciate da fattispecie puntuali e tassative – venendosi così a consentire una sorta di recesso ad nutum - e rimesse alla discrezionalità ed alla convenienza dei singoli soci. E verrebbero ad essere lesi i principi di tipicità delle ipotesi di recesso e di parità di trattamento tra i soci. (Giustino Di Cecco) (riproduzione riservata)
 
[1] Cfr. Tribunale Roma, 16 Dicembre 2015. Est. Cecilia Bernardo.
Tribunale Roma, 06 Settembre 2018.


Società cooperative – Rapporto tra ente e socio – Cooperative lattiero-casearie – Obbligo di conferimento del latte – Inadempimento – Contratti societari – Rimedi – Comunione di scopo – Esclusione – Natura di prestazione corrispettiva – Sussistenza..
E’ applicabile anche alle società cooperative lattiero-casearie, ove il rapporto tra socio e società è caratterizzato dalla contrapposizione delle prestazioni, il principio secondo il quale, diversamente da quanto accade per gli altri contratti societari caratterizzati non già dalla corrispettività delle prestazioni ma dalla comunione di scopo, è possibile far ricorso ai rimedi di carattere generale in tema di inadempimento contrattuale. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) (riproduzione riservata) Tribunale Mantova, 19 Novembre 2009.