LIBRO QUINTO
Del lavoro
TITOLO V
Delle società
CAPO X
Della trasformazione, della fusione e della scissione
SEZIONE I
Della trasformazione

Art. 2500-septies

Trasformazione eterogenea da società di capitali
TESTO A FRONTE

I. Le società disciplinate nei capi V, VI, VII del presente titolo possono trasformarsi in consorzi, società consortili, società cooperative, comunioni di azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni.
II. Si applica l'articolo 2500-sexies, in quanto compatibile.
III. La deliberazione deve essere assunta con il voto favorevole dei due terzi degli aventi diritto, e comunque con il consenso dei soci che assumono responsabilità illimitata.
IV. La deliberazione di trasformazione in fondazione produce gli effetti che il capo II del titolo II del Libro primo ricollega all'atto di fondazione o alla volontà del fondatore.

GIURISPRUDENZA

Società - Trasformazione - Trasformazione eterogenea - Trasformazione da società di capitali in impresa individuale - Impossibilità..
Non è configurabile, dopo la riforma del diritto societario, la trasformazione eterogenea atipica da società di capitali in impresa individuale. (Gianluigi Morlini) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 02 Dicembre 2011.


Società - Trasformazione eterogenea - Entità plurisoggettive con patrimonio separato..
Le norme in tema di trasformazione eterogenea presuppongono sempre che essa interessi enti plurisoggettivi con patrimonio separato indipendentemente dalla disomogeneità causale. (Gianluigi Morlini) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 02 Dicembre 2011.


Società - Trasformazione di società di capitali - Comunioni di azienda..
La previsione di trasformazione di società di capitali da e per comunioni di azienda, non può giustificare una interpretazione estensiva trattandosi di trasformazione comunque tra enti plurisoggettivi con la peculiarità di avere ad oggetto una gestione di mero godimento che in qualunque momento può trasformarsi nuovamente in società. (Gianluigi Morlini) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 02 Dicembre 2011.


Società - Trasformazione di società di capitali ad impresa individuale - Estinzione dell'ente preesistente..
Nell’ipotesi di passaggio da società di capitali ad impresa individuale non si verifica una trasformazione in senso tecnico ma una successione con mutamento qualitativo del soggetto da ente a soggetto fisico e con conseguente estinzione dell’ente preesistente. (Gianluigi Morlini) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 02 Dicembre 2011.


Società di persone – Trasformazione cd. eterogenea – Trasformazione in impresa individuale – Ammissibilità – Esclusione – Fattispecie previste dall’art. 2500speties cod. civ. – Interpretazione analogica – Esclusione. (07/09/2010).
La trasformazione eterogenea introdotta con la riforma del diritto societario, la quale consente la trasformazione di società di capitali in enti diversi e viceversa, è attuabile esclusivamente nelle ipotesi espressamente previste dall'articolo 2500 septies, codice civile, ipotesi che non possono essere estese in via analogica ad altre fattispecie. Non può quindi ritenersi ammissibile la trasformazione di una società di persone in un'impresa individuale, alla quale osta, oltre al richiamato dato normativo, la diversa natura della persona giuridica e della persona fisica, così come varie pronunce giurisprudenziali avevano rilevato in epoca precedente alla riforma. (Franco Benasi) (riproduzione riservata) Appello Torino, 14 Luglio 2010.


Società di persone – Trasformazione cd. eterogenea – Trasformazione in impresa individuale – Ammissibilità – Esclusione – Fattispecie previste dall’art. 2500speties cod. civ. – Interpretazione analogica – Esclusione. (07/09/2010).
La trasformazione eterogenea introdotta con la riforma del diritto societario, la quale consente la trasformazione di società di capitali in enti diversi e viceversa, è attuabile esclusivamente nelle ipotesi espressamente previste dall'articolo 2500 septies, codice civile, ipotesi che non possono essere estese in via analogica ad altre fattispecie. Non può quindi ritenersi ammissibile la trasformazione di una società di persone in un'impresa individuale, alla quale osta, oltre al richiamato dato normativo, la diversa natura della persona giuridica e della persona fisica, così come varie pronunce giurisprudenziali avevano rilevato in epoca precedente alla riforma. (Franco Benasi) (riproduzione riservata) Appello Torino, 14 Luglio 2010.