Diritto e Procedura Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 6846p - pubb. 01/07/2007

.

Cassazione civile, sez. III, 22 Dicembre 2011. .


Overruling – Mutamento di giurisprudenza della nomofilachia – Salvezza dell'atto che ha seguito il precedente disatteso – Limiti – Pretesa non meritevole di tutela.



Il mutamento della precedente interpretazione della norma processuale da parte del giudice della nomofilachia (c.d. overruling), il quale porti a ritenere esistente, in danno di una parte del giudizio, una decadenza od una preclusione prima escluse, opera - laddove il significato che essa esibisce non trovi origine nelle dinamiche evolutive interne al sistema ordinamentale - come interpretazione correttiva che si salda alla relativa disposizione di legge processuale ora per allora; nel senso di rendere irrituale l'atto compiuto od il comportamento tenuto dalla parte in base all'orientamento precedente. Tale tutela, però, non trova applicazione dove non si tratti di impedire ex post l'esercizio di una tutela di cui l'ordinamento continua a ritenere la parte meritevole, quanto di non più consentire di utilizzare, per l'accesso alla tutela giudiziaria, metodi divenuti incompatibili con valori avvertiti come preminenti ai fini di un efficace ed equo funzionamento del servizio della giustizia. (Giuseppe Buffone) (riproduzione riservata)