Diritto Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20321 - pubb. 04/08/2018

Sospensione della prescrizione dei crediti in fase di esecuzione del concordato preventivo

Tribunale Benevento, 19 Luglio 2018. Est. Galasso.


Nella fase di esecuzione del concordato preventivo la prescrizione riprende il proprio corso



La previsione di cui all’art. 2941 n. 6 c.c. in materia di prescrizione dei crediti, non trova applicazione in ambito di concordato preventivo, né diretta né analogica, in ragione della natura eccezionale delle regole sulla sospensione della prescrizione.
Nella fase antecedente alla definitività dell’omologazione del concordato, le prescrizioni rimangono sospese: purché, tuttavia, si tratti delle prescrizioni che sarebbero state interrotte dagli atti introduttivi di azioni esecutive.
Nella fase di esecuzione del concordato, però, la prescrizione riprende il proprio corso.  L’omologazione definitiva, infatti, vincola i creditori, impedendo loro pignoramenti e sequestri, ma assicura la soddisfazione concorsuale dei crediti.
La questione della prescrizione e delle relative cause di sospensione ed interruzione non si pone (salva soltanto l’assenza di una fase giudiziale di verifica del credito, presente nel fallimento) diversamente nelle procedure concorsuali, differenti dal concordato preventivo.
Ogniqualvolta il creditore debba impedire il corso della prescrizione, laddove penda una procedura concorsuale, egli deve agire in sede di cognizione. Nel caso di concordato preventivo, il creditore, inoltre, può avvalersi di un atto stragiudiziale di costituzione in mora: utile se non altro ad interrompere il termine prescrizionale.
L’affidamento che un creditore potrebbe riporre nella tutela attesa da una procedura concorsuale potrebbe confliggere con quello del debitore a non vedersi assoggettato alla procedura (che non è un fallimento) sine die, in mancanza di atti interruttivi della prescrizione. (Mario Porcaro) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Mario Porcaro


Il testo integrale