Diritto Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14360 - pubb. 08/03/2016

Esproprio non seguito da alcun atto della P.A. espropriante di materiale apprensione del bene espropriato e possesso ultraventennale esercitato sul bene da un privato

Appello Salerno, 26 Giugno 2015. Est. Colucci.


Decreto di esproprio non seguito da alcun atto della P.A. espropriante di materiale apprensione del bene espropriato – Non idoneità del decreto a determinare, di per sé, l’estinzione delle situazioni di fatto sul bene – Possesso ultraventennale esercitato sul bene da un privato – Acquisto del diritto per usucapione da parte del privato – Possibilità

Retroattività degli effetti dell’usucapione – Esclusione ab origine del carattere di illiceità al comportamento di chi ha usucapito – Estinzione sia della tutela reale, sia della tutela obbligatoria per il risarcimento del danno provocato al proprietario del fondo – Affermazione



Il decreto di esproprio, non seguito da alcun atto della P.A. espropriante di materiale apprensione del bene che ne costituisce l’oggetto, non è idoneo, di per sé, a determinare l’estinzione delle situazioni di fatto sul bene e, quindi, in caso di comprovato possesso ultraventennale esercitato sul bene, oggetto di espropriazione, da un privato nel concorso dei requisiti oggettivi e soggettivi richiesti per l’acquisto a titolo originario, è possibile l’acquisto in favore del privato stesso della proprietà del bene per usucapione. (Vito Colucci) (riproduzione riservata)
 
La retroattività degli effetti dell’usucapione esclude ab origine il carattere di illiceità al comportamento di chi ha usucapito. Con l’acquisto a titolo originario del diritto cessa l’illiceità, e perciò si estingue non solo la tutela reale, ma anche quella obbligatoria per il risarcimento del danno provocato al proprietario del fondo per il ventennale possesso del diritto fino ad usucapirlo. (Vito Colucci) (riproduzione riservata)


Il testo integrale