LIBRO QUINTO
Del lavoro
TITOLO V
Delle società
CAPO III
Della società in nome collettivo

Art. 2302

Scritture contabili
TESTO A FRONTE

I. Gli amministratori devono tenere i libri e le altre scritture contabili prescritti dall'articolo 2214.

GIURISPRUDENZA

Società - Società di persone fisiche - Società in accomandita semplice - In genere - Tenuta dei libri contabili obbligatori - Necessità..
Poichè, ai sensi dell'art 2315 cod civ, alle società in accomandita semplice si applicano, in quanto compatibili, le norme sulle società in nome collettivo, le quali, per l'art. 2302 cod civ, sono tenute alla redazione dei libri contabili obbligatori di cui all'art 2214 cod civ, allo stesso Obbligo soggiacciono anche le società in accomandita semplice. Quest'ultima norma non è, infatti, incompatibile con la disciplina particolare di questo tipo di società, poichè le società in accomandita semplice costituiscono solo una Forma modificata delle società in nome collettivo. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 30 Marzo 1971, n. 908.


Impresa e imprenditore - Libri e scritture contabili - Prova - Efficacia probatoria - In genere - Scritture contabili di società - Prova nei rapporti interni fra società e soci - Esclusione.

Società - Società persona giuridica - Libri sociali obbligatori - Diritto di ispezione del socio.

Società - Società persona giuridica - Libri sociali obbligatori - In genere - Applicabilità della disciplina sulla data certa delle scritture private - Esclusione.

Prova civile - Documento - Scrittura privata - Data - Nei confronti dei terzi (data certa).
.
L'efficacia probatoria dei libri e delle scritture contabili delle societa (artt 2709, 2710, cod civ) riguarda i rapporti con i terzi e non i rapporti interni tra societa e soci, in quanto costoro hanno il diritto di controllo sulla tenuta dei libri, esercitato mediante il potere d'ispezione attribuito dall'art 2422 cod civ.. (massima ufficiale)

Ai libri sociali non e applicabile l'art 2704 cod civ circa la data della scrittura privata, perche le annotazioni eseguite non sono soggette a sottoscrizione e la tenuta dei libri stessi e la loro efficacia probatoria e regolata da norme particolari. (massima ufficiale)
Cassazione Sez. Un. Civili, 28 Luglio 1962, n. 2208.