Diritto Fallimentare


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 2816p - pubb. 01/07/2007

.

Tribunale Mantova, 09 Dicembre 2010. .


Concordato preventivo – Variazione del piano intervenuta dopo il voto dei creditori – Mutamento relativo alla realizzazione di alcuni assets – Equivalenza dei flussi finanziari assicurati da nuovi contratti – Omologazione del concordato – Ammissibilità.



La modificazione del piano concordatario - inteso come l'insieme delle operazioni previste dal proponente il concordato preventivo per la positiva realizzazione della proposta - intervenuta dopo la votazione dei creditori che riguardi solo la realizzazione di alcuni determinati assets non impedisce l'omologazione del concordato ove possa essere stimata non determinante per i creditori in ragione dell'equivalenza in termini economici e finanziari dei nuovi contratti conclusi rispetto a quelli inizialmente previsti e quindi in ragione della sostanziale equipollenza dei flussi di entrata previsti rispetto a quelli originari. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato