Diritto Bancario e Finanziario


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 23257 - pubb. 20/02/2020

Credito al consumo e violazione delle regole di trasparenza

Tribunale Salerno, 05 Febbraio 2020. Est. Caputo.


Credito al consumo - Art. 124 Tub - Errata indicazione Taeg - conseguenze - Nullità della clausola - Tassi BOT - Principio di effettività della tutela - Violazione della trasparenza e Direttiva 93/13/CEE



Nella disciplina attuale, come in quella previgente, rivestono importanza primaria, nell’ambito del credito al consumo, il T.A.E.G. e le altre informazioni essenziali, al fine di assicurare al consumatore una rappresentazione della portata dell’impegno economico e, nel contempo un adeguato presidio all’obbligo di informazione, in ottica di trasparenza, correttezza, buona fede e di riequilibrio dei rapporti di forza contrattuale sperequati.

Quanto alle conseguenze, derivanti dalla errata indicazione del T.A.E.G., si rende necessario adottare un’interpretazione quanto più ispirata al principio di effettività della tutela nell’ambito del credito al consumo non differenziando, quanto al regime ed alle conseguenze derivanti dall’inosservanza dei relativi obblighi, tra omessa indicazione del T.A.E.G. ed erronea indicazione dello stesso. (Mario Manzo) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell’Avv. Mario Manzo del Foro di Salerno


Il testo integrale