Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22897 - pubb. 18/12/2019

Insinuazione allo stato passivo e poteri del giudice di accertamento d'ufficio della fondatezza della domanda

Cassazione civile, sez. I, 12 Novembre 2019, n. 29254. Pres. Genovese. Est. Paola Vella.


Insinuazione allo stato passivo - Poteri del giudice - Accertamento d'ufficio della fondatezza della domanda - Sussistenza - Violazione dell'art. 112 c.p.c. - Esclusione



In tema di insinuazione allo stato passivo, non viola l'art. 112 c.p.c. il tribunale che, esercitando il proprio potere d'ufficio di accertare la fondatezza della domanda proposta, rigetti l'opposizione proposta dal creditore, dovendo l'accertamento sull'esistenza del titolo dedotto in giudizio essere compiuto dal giudice "ex officio" in ogni stato e grado del processo, in ognuna delle sue fasi, salvo che tale rilievo non sia impedito o precluso in dipendenza di apposite regole processuali. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale