Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22447 - pubb. 04/10/2019

Concordato preventivo e improponibilità del ricorso per sequestro conservativo sui beni del debitore

Cassazione civile, sez. V, tributaria, 17 Gennaio 2019, n. 1168. Pres. Magda Cristiano. Est. Loredana Nazzicone.


Concordato preventivo - Art. 168 l. fall. nella formulazione anteriore alla l. n. 134 del 2012 - Sequestro conservativo - Ammissibilità – Esclusione - Fondamento



In tema di concordato preventivo, anche nella vigenza dell'art. 168 l. fall. nella formulazione anteriore all'art. 33, comma 1, del d.l. n. 83 del 2012, conv. in l. n. 134 del 2012, pur in mancanza di una espressa previsione normativa, doveva ritenersi improponibile il ricorso per sequestro conservativo sui beni del debitore, trattandosi di un vincolo idoneo a convertirsi in pignoramento e quindi volto ad assicurare la garanzia patrimoniale in vista di una futura esecuzione. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale