Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22105 - pubb. 17/07/2019

La mancanza di data certa rende il contratto inopponibile al curatore, ma non esclude che possa risultare provato il credito

Cassazione civile, sez. I, 10 Aprile 2018, n. 9074. Est. Dolmetta.


Credito documentato da scrittura privata non avente data certa - Inopponibilità della scrittura al curatore - Limiti - Fattispecie



In sede di accertamento dello stato passivo, la mancanza di data certa del contratto prodotto quale prova del credito comporta l'inopponibilità al fallimento delle clausole riportate sulla relativa documentazione, ma ciò non esclude che possa risultare provata la corresponsione di una o più somme da parte del creditore e, quindi, sia la sussistenza di un suo corrispondente credito di restituzione in linea capitale, sia la stessa natura contrattuale del credito; ne deriva che detta inopponibilità esclude soltanto che le clausole riportate nella documentazione priva di data certa possano essere considerate ai fini della effettiva regolamentazione del rapporto. (In applicazione del detto principio, la S.C. ha escluso che l'ammissione al passivo di un credito vantato da una banca in linea capitale e fondato su due linee di credito derivanti da scoperto di conto corrente e mutuo chirografario - entrambe documentate da contratti privi di data certa - implicasse l'implicito riconoscimento della piena opponibilità dei contratti stessi, ed ha quindi respinto il ricorso della banca opponente, che lamentava l'erroneità del decreto con cui il giudice delegato aveva escluso gli interessi ultralegali, ammettendoli invece al tasso legale). (massima ufficiale)


Il testo integrale