Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22079 - pubb. 12/07/2019

Revoca del concordato preventivo, convocazione delle parti e termine a difesa

Cassazione civile, sez. I, 06 Marzo 2018, n. 5273. Est. Fichera.


Concordato preventivo - Procedimento per la revoca dell'ammissione ex art. 173 l. fall. - Decreto di convocazione delle parti - Termine a difesa ex art. 15, comma 3, l. fall. - Necessità - Esclusione - Fondamento



Nell'ambito del procedimento di revoca dell'ammissione al concordato preventivo, il tribunale non è tenuto, con il decreto di convocazione delle parti, a concedere il termine a difesa non inferiore a quindici giorni previsto dall'art. 15, comma 3, l. fall., sia in quanto il rinvio a tale disposizione contenuto nell'art. 173 l. fall. deve intendersi nei limiti della compatibilità, sia in quanto in tale ipotesi il contraddittorio tra creditore istante e debitore si è già instaurato, cosicché quest'ultimo è già a conoscenza della necessità di preparare la propria difesa anche in relazione alla possibile dichiarazione di fallimento, di cui la revoca del concordato costituisce uno dei presupposti. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale