Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 21350 - pubb. 09/03/2019

Revocatoria fallimentare: la valutazione della conoscenza dello stato di insolvenza è un apprezzamento di fatto che sfugge al controllo di legittimità

Cassazione civile, sez. I, 08 Febbraio 2019, n. 3854. Est. Dolmetta.


Azione revocatoria fallimentare - Presupposto soggettivo dell'azione - "Scientia decoctionis" da parte del terzo contraente - Conoscenza effettiva - Necessità - Desumibilità della stessa da elementi presuntivi - Condizioni - Incensurabilità in cassazione



In tema di revocatoria fallimentare, la conoscenza dello stato di insolvenza da parte del terzo contraente deve essere effettiva, ma può essere provata anche con indizi e fondata su elementi di fatto, purché idonei a fornire la prova per presunzioni di tale effettività. La scelta degli elementi che costituiscono la base della presunzione ed il giudizio logico con cui dagli stessi si deduce l'esistenza del fatto ignoto costituiscono un apprezzamento di fatto che, se adeguatamente motivato, sfugge al controllo di legittimità. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale