Deontologia


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20672 - pubb. 25/10/2018

Responsabilità disciplinare avvocati: sulla applicabilità del principio del 'favor rei' nei procedimenti pendenti

Cassazione Sez. Un. Civili, 24 Luglio 2018, n. 19653. Est. Scarano.


Responsabilità disciplinare avvocati – Irrogazione di sanzione – Impugnazione – Applicabilità del principio del “favor rei” ai procedimenti pendenti – Esclusione – Fondamento – Fattispecie



L'art. 65, comma 5, della l. n. 247 del 2012, nella parte in cui detta la disciplina transitoria in base al principio del "favor rei" - stabilendo che si applicano le norme più favorevoli per l'incolpato anche ai procedimenti in corso al momento della sua entrata in vigore -, si riferisce solamente alle norme del nuovo Codice Deontologico Forense. Laddove si tratti, invece, di atto d'impugnazione, la norma applicabile, con riferimento ai relativi termini, è quella vigente al momento della sua proposizione, in base al principio "tempus regit actum". (Nella specie, la S.C. ha statuito, in un caso in cui un avvocato aveva impugnato la decisione del C.O.A. irrogativa della della sospensione dall'esercizio dell'attività professionale per la durata di mesi tre, che il termine - perentorio - d'impugnazione era quello stabilito dalla previgente disciplina – di venti giorni ex art. 50, comma 2, r.d.l. n. 158 del 1933 all'epoca ancora vigente -, anziché quello di trenta giorni dalla data di notifica della decisione ex art. 33 del Regolamento CNF 21 febbraio 2014 n. 2). (massima ufficiale)


Il testo integrale