Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 17633 - pubb. 08/07/2017

Opposizione allo stato passivo e conseguenze della mancata comparizione dell'opponente

Cassazione civile, sez. VI, 26 Gennaio 2016, n. 1342. Est. Maria Acierno.


Fallimento - Accertamento del passivo - Opposizione allo stato passivo - Inapplicabilità delle norme dettate per l'appello - Mancata comparizione della parte opponente già costituita - Conseguenze - Improcedibilità dell'opposizione - Esclusione



L'opposizione allo stato passivo, regolata dagli artt. 98 e 99 l.fall., non è equiparabile al giudizio d'appello, ancorché abbia natura impugnatoria, sicché non si applicano le norme dettate per il procedimento di gravame e la mancata comparizione della parte opponente, tempestivamente costituitasi, in un'udienza successiva alla prima, non può dar luogo a pronuncia di improcedibilità dell'opposizione. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale