Diritto Fallimentare


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 17549 - pubb. 30/01/2017

Privilegio e verifica della sussistenza o meno dei beni

Cassazione Sez. Un. Civili, 20 Dicembre 2001, n. 16060. Est. Morelli.


Fallimento - Ammissione di un credito avente privilegio speciale su determinati beni - Presupposto - Già avvenuta acquisizione di tali beni alla massa - Necessità - Esclusione - Fondamento - Accertamento dell'esistenza del credito e della correlativa causa di prelazione - Sufficienza



L'ammissione al passivo fallimentare di un credito in via privilegiata non presuppone, ove si tratti di privilegio speciale su determinati beni, che questi siano già presenti nella massa, non potendosi escludere la loro acquisizione successiva all'attivo fallimentare; ne consegue che è a tal fine sufficiente, in sede di verifica dello stato passivo, l'accertamento dell'esistenza del credito e della correlativa causa di prelazione, dovendosi demandare alla successiva fase del riparto la verifica della sussistenza o meno dei beni stessi, da cui dipende l'effettiva realizzazione del privilegio speciale. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale