Crisi d'Impresa e Insolvenza


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16615 - pubb. 31/01/2017

Concordato preventivo: azioni cautelari e procedure competitive di vendita in pendenza di un contratto di affitto d’azienda

Tribunale Bergamo, 28 Dicembre 2016. Est. Raffaella Dimatteo.


Concordato preventivo - Divieto di azioni cautelari sul patrimonio del debitore

Concordato preventivo - Divieto di azioni cautelari sul patrimonio del debitore - Restituzione di un’azienda detenuta in assenza di un titolo che ne legittimi il godimento

Concordato preventivo - Procedure competitive di vendita



Il divieto di azioni esecutive cautelari previsto dall’art. 168 legge fall. non si estende ai beni di cui l’imprenditore in concordato abbia solo la disponibilità materiale senza vantare un valido titolo giuridico. (Enrico Felli) (riproduzione riservata)

E’ ammissibile una domanda cautelare nei confronti di una società che ha depositato un ricorso ai sensi dell’art. 161, comma 6, legge fall. finalizzata alla restituzione di un’azienda detenuta in assenza di un titolo che ne legittimi il godimento. (Enrico Felli) (riproduzione riservata)

La procedura prevista dagli artt. 105 e 108 legge fall. deve essere seguita anche in pendenza di un contratto di affitto d’azienda con offerta irrevocabile di acquisto stipulato prima del deposito del ricorso per l’ammissione al concordato al fine di individuare il migliore contraente. L’effetto traslativo si produce tuttavia solo con la stipula di un successivo contratto di diritto privato senza che sia dato far derivare dal provvedimento di aggiudicazione l’assunzione di un preliminare vincolo negoziale. (Enrico Felli) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Enrico Felli del Foro di Bergamo


Il testo integrale