Il Condominio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16026 - pubb. 27/10/2016

Bed & breakfast: l'opponibilità ai terzi va regolata secondo le norme della servitù

Cassazione civile, sez. II, 18 Ottobre 2016, n. 21024. Est. Manna.


Proprietà - Condominio edifici - Limiti alla destinazione delle proprietà - Servitù atipiche



La previsione contenuta in un regolamento condominiale convenzionale di limiti alla destinazione delle proprietà esclusive, incidendo non sull'estensione ma sull'esercizio del diritto di ciascun condomino, deve essere ricondotta alla categoria delle servitù atipiche, e non delle obligationes propter rem, non configurandosi in tal caso il presupposto dell'agere necesse nel soddisfacimento d'un corrispondente interesse creditorio. Pertanto. l'opponibilità ai terzi acquirenti di tali limiti va regolata secondo le norme proprie della servitù, e dunque avendo riguardo alla trascrizione del relativo peso, indicando nella nota di trascrizione, ai sensi degli artt. 2659, primo comma, n. 2, e 2665 c.c., le specifiche clausole limitative, non essendo invece sufficiente il generico rinvio al regolamento condominiale. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale