Diritto Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 21238 - pubb. 16/02/2019

L’accrescimento nell’usufrutto è consentito anche negli atti inter vivos, purché risulti dal titolo costitutivo

Tribunale Mantova, 06 Novembre 2018. Est. Bulgarelli.


Obbligazioni e contratti – Diritto di usufrutto – Concesso congiuntamente a due coniugi – Decesso di uno degli usufruttuari – Accrescimento in favore del coniuge superstite – Necessità di previsione nell’atto costitutivo – Sussiste



L’accrescimento opera anche nei negozi inter vivos, sia a titolo gratuito che oneroso, a condizione che esso si ricavi in maniera sufficientemente chiara e precisa, pur se non formalmente espressa. [Nella fattispecie, il Tribunale negava che potesse riconoscersi l’accrescimento dell’usufrutto in favore del coniuge superstite, non rinvenendosi nel titolo costitutivo alcuna previsione in tal senso.] (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale