Massimario di Diritto Finanziario


RESPONSABILITA' DELL'INTERMEDIARIO

Attività illecite poste in essere dal promotore finanziario non legato da un rapporto contrattuale con la banca. Contratti di borsa - Istituto di credito - Responsabilità indiretta per fatto del promotore finanziario non legato da rapporto contrattuale - Ammissibilità - Condizioni - Fattispecie.
Con riguardo alle attività illecite poste in essere dal promotore finanziario non legato da un rapporto contrattuale con la banca, sussiste la responsabilità indiretta di quest'ultima qualora la promozione sia svolta con modalità tali da ingenerare negli investitori l'incolpevole affidamento su uno stabile inserimento del promotore nell'attività della banca. (Nella fattispecie, il promotore finanziario operava nei locali delle agenzie della banca dove erano accesi i conti degli investitori e negoziava i titoli collocati presso l'istituto di credito, quale incaricato dei servizi ricezione e negoziazione degli ordini dei correntisti). (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. III, 31/07/2017.


Esclusione della responsabilità solidale dell'intermediario per danni arrecati ai terzi. Intermediario finanziario - Responsabilità solidale per i danni arrecati dalla condotta illecita del promotore finanziario - Esclusione - Condizioni - Violazione delle regole di condotta poste a tutela del risparmio - Consapevolezza da parte dell'investitore - Insufficienza - Connivenza o collusione con il promotore - Necessità - Onere della prova - Ripartizione.
In tema di contratti di intermediazione finanziaria, al fine di escludere la responsabilità solidale dell'intermediario per gli eventuali danni arrecati ai terzi nello svolgimento delle incombenze affidate ai promotori finanziari, non è sufficiente la mera consapevolezza da parte dell'investitore della violazione da parte del promotore delle regole di comportamento poste a tutela dei risparmiatori, ma occorre che i rapporti tra promotore ed investitore presentino connotati di anomalia, se non addirittura di connivenza o di collusione in funzione elusiva della disciplina legale. Incombe all'investitore l'onere di provare l'illiceità della condotta del promotore, mentre spetta all'intermediario quello di provare che l'illecito sia stato consapevolmente agevolato in qualche misura dall'investitore. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. III, 31/07/2017.


Responsabilità indiretta della società di intermediazione mobiliare (S.I.M.) per i danni arrecati a terzi dai promotori finanziari. Società di intermediazione mobiliare - Attività del promotore finanziario - Responsabilità diretta del preponente - Configurabilità - Condizioni - Nesso di occasionalità necessaria tra l'illecito e il rapporto tra le parti - Necessità - Responsabilità (anche) diretta della società di intermediazione mobiliare - Compatibilità - Sussistenza - Fattispecie.
In tema di responsabilità indiretta della società di intermediazione mobiliare (S.I.M.) per i danni arrecati a terzi dai promotori finanziari nello svolgimento delle incombenze loro affidate, l'accertamento di un rapporto di necessaria occasionalità tra fatto illecito del preposto ed esercizio delle mansioni affidategli comporta l'insorgenza di una responsabilità (anche) diretta a carico della società, la cui configurabilità non è preclusa dall'art. 31, comma 3, del d.lgs. n. 58 del 1998 (già art. 5, comma 4, della legge n. 1 del 1991), il quale si limita a prevedere un'estensione della responsabilità al fatto altrui, non impedendo tuttavia anche l'accertamento della potenziale responsabilità per fatto proprio. (Nell'applicazione di tale principio, la S.C. ha confermato la statuizione di merito sulla responsabilità diretta della S.I.M., la quale aveva omesso di dimostrare l'avvenuto adempimento delle specifiche obbligazioni poste a suo carico, allegate come inadempiute dalla controparte, e di avere agito con la specifica diligenza richiesta). (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. III, 31/07/2017.


Responsabilità della banca e condanna al risarcimento per le somme sottratte dal promotore finanziario. Contratti di investimento - Promotore finanziario - Sottrazione somme - Responsabilità solidale della banca - Risarcimento danni.
In caso di appropriazione illegittima da parte del promotore finanziario delle somme allo stesso corrisposte da clienti investitori, risponde in via solidale anche la Banca presso la quale il promotore medesimo presta la propria attività.

(Nel caso specifico, ai clienti è stato riconosciuto un risarcimento superiore a € 300.000,00 a titolo di capitale sottratto e interessi legali). (Antonio Cavallo) (riproduzione riservata) Tribunale Cosenza, 06/02/2017.


Responsabilità oggettiva dell’intermediario finanziario per colpa o dolo del promotore. Intermediazione finanziaria - Responsabilità dell’intermediario per fatto colposo o doloso del promotore - Limiti.
La responsabilità dell’intermediario per il fatto del promotore integra un caso particolare di responsabilità oggettiva per fatto altrui, assimilabile a quella prevista dall’art.2409 c.c., imputandosi alla società intermediaria, nell’interesse della quale l’attività viene svolta, il costo del rischio creato dalla società stessa, prescindendo da ogni indagine relativa alla colpa, e ciò al fine di offrire una tutela rafforzata all’investitore, che può così contare anche sul patrimonio dell’intermediario.
È necessario e sufficiente, perché si abbia responsabilità della società di intermediazione, un rapporto di necessaria occasionalità tra le incombenze affidate al promotore e il fatto illecito del medesimo, nel senso che l’incombenza da lui disimpegnata deve avere determinato una situazione tale da avere agevolato e reso possibile il fatto illecito.
Ne consegue che la responsabilità della società di intermediazione deve ritenersi sussistente anche se il promotore ha agito oltre i limiti delle sue incombenze o trasgredendo gli ordini ricevuti o addirittura con dolo, purché l’attività sia in sé riconducibile all’incarico affidato.
Né assume alcun rilievo la circostanza che il versamento sia avvenuto con modalità diverse da quelle previste nelle disposizioni di settore: invero, è il promotore finanziario e non l’investitore il diretto destinatario di tali prescrizioni.
Neppure può ritenersi che la forma di pagamento adottata risulti espressione di una condotta negligente o imprudente dell’investitore che abbia concorso a cagionare il danno: infatti, l’obbligazione dell’intermediario è un’obbligazione di garanzia, sicché quest’ultimo non può opporre all’investitore le eccezioni che non avrebbe potuto opporre il promotore finanziario; il quale non può certo oipporre all’investitore le conseguenze del mancato rispetto di regole comportamentali che – come già evidenziato – sono in primo luogo poste a carico del promotore stesso.
[Nella fattispecie, l’intermediario è stato condannato in solido con il promotore finanziario il quale aveva ricevuto dall’investitore un pagamento in contanti che aveva indebitamente trattenuto per sé.] (Chiara Bosi) (riproduzione riservata) Tribunale Lagonegro, 14/03/2016.


Violazione degli obblighi di comportamento del promotore finanziario e concorso di colpa dell'investitore. Intermediazione mobiliare - Violazione degli obblighi di comportamento del promotore finanziario - Concorso di colpa dell'investitore - Configurabilità - Condizioni e limiti - Violazione dell'obbligo di diligenza - Fattispecie in tema di appropriazione di capitali investiti.
In tema di intermediazione mobiliare, la violazione da parte del promotore finanziario degli obblighi di comportamento che la legge pone a suo carico non esclude la configurabilità di un concorso di colpa dell'investitore, qualora questi tenga un contegno significativamente anomalo ovvero, sebbene a conoscenza del complesso "iter" funzionale alla sottoscrizione dei programmi di investimento, ometta di adottare comportamenti osservanti delle regole dell'ordinaria diligenza od avalli condotte del promotore devianti rispetto alle ordinarie regole del rapporto professionale con il cliente e alle modalità di affidamento dei capitali da investire, così concorrendo al verificarsi dell'evento dannoso per inosservanza dei più elementari canoni di prudenza ed oneri di cooperazione nel compimento dell'attività di investimento. (Affermando questo principio, la S.C. ha confermato la decisione del giudice di merito di escludere il concorso dell'investitore nel pregiudizio economico arrecatogli dal promotore, che con una scusa si era fatto consegnare due moduli bancari già sottoscritti dal cliente, il quale aveva poi chiesto alla banca intermediatrice la documentazione atta a ricostruire l'accaduto, non ricevendo, tuttavia, una sollecita risposta). (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. III, 22/09/2015.


Intermediazione finanziaria – Comportamento illecito del promotore finanziario – Appropriazione del denaro contante ricevuto dal cliente con la prospettiva di investirlo in prodotto finanziario rivelatosi inesistente – Prova della consegna del denaro – Presenza di indizi gravi, precisi e concordanti – Sufficienza.
In materia di intermediazione finanziaria, allorché si imputi al promotore finanziario di essersi appropriato del denaro contante consegnatogli a più riprese dal cliente, approfittando del rapporto fiduciario col medesimo, con la prospettiva di impiegarlo nell’acquisto di strumento finanziario rivelatosi inesistente, la consegna delle dette somme può ritenersi provata in base ad una serie di circostanze gravi, precise e concordanti quali: 1) una missiva riferibile al promotore e diretta al deceptus contenente l’esplicito riferimento all’inesistente strumento finanziario e l’indicazione delle modalità con cui le consegne di contante sarebbero dovute avvenire; 2) una serie di documentati prelievi di denaro da parte del cliente presso gli sportelli di un istituto di credito; 3) una serie di ricevute di versamento redatte sui moduli intestati alla banca, sottoscritte dal promotore e rilasciate al cliente, recanti date e importi pressoché coincidenti con le date e gli importi dei prelievi effettuati; 4) falsi rendiconti verosimilmente predisposti dal promotore infedele che affermano esser stato sottoscritto l’inesistente strumento finanziario per un valore nominale pressoché coincidente con l’ammontare dei prelievi e delle ricevute predetti; 5) una delibera Consob che dispone la radiazione del medesimo promotore finanziario dal relativo albo per fatti precedenti e analoghi e quelli descritti in citazione; 6) il non essersi presentato il promotore finanziario a rendere l’interrogatorio formale deferitogli sui fatti addebitatigli. (Alessio Pottini) (riproduzione riservata) Tribunale Perugia, 22/12/2014.


Intermediazione finanziaria – Responsabilità dell’intermediario per fatto illecito del promotore finanziario ex art. 31 d.lgs. n. 58/1998 – Natura oggettiva – Nesso di occasionalità necessaria tra condotta del promotore e danno arrecato al terzo – Sufficienza – Tono confidenziale usato dal promotore in una missiva diretta al cliente danneggiato – Irrilevanza.
In materia di intermediazione finanziaria, la responsabilità solidale del soggetto abilitato per i danni arrecati a terzi dal promotore finanziario, prevista dall’art. 31 d.lgs. n. 58/98, configura una responsabilità oggettiva e indiretta che opera per il solo fatto che la condotta illecita del promotore rientri nel quadro delle attività funzionali all’esercizio delle incombenze allo stesso affidate, con il solo limite del concorso doloso del cliente nella commissione del reato del promotore.
Il tono confidenziale usato dal promotore infedele in una missiva dal medesimo indirizzata al cliente danneggiato non può essere interpretato come prova dell’esistenza di un vero e proprio mandato, conferito dal cliente al promotore per la gestione globale e autonoma dei propri rapporti finanziari, tale da far venire meno la responsabilità solidale che l’art. 31 d.lgs. n. 58/98 pone in capo all’istituto bancario preponente per i danni procurati al terzo dal promotore finanziario preposto, poiché per legge l’attività di promotore finanziario è svolta nell’esclusivo interesse di una banca e, di conseguenza, il promotore, stante il legame contrattuale con l’istituto, non potrebbe assumere alcun incarico diretto dal cliente investitore. (Alessio Pottini) (riproduzione riservata) Tribunale Perugia, 22/12/2014.


Produzione in giudizio del contratto quadro non sottoscritto dalla banca e revoca da parte del cliente della volontà di contrarre. Obbligazioni e contratti - Produzione in giudizio del contratto non sottoscritto - Volontà di aderire al contratto perfezionandolo in termini negoziali e probatori - Necessità che l'altra parte mantenga ferma la volontà di contrarre - Manifestazione della volontà di revoca - Effetti - Fattispecie in tema di contratto di negoziazione di strumenti finanziari.
In ordine agli effetti della produzione in giudizio del contratto che non sia stato sottoscritto dalla parte, occorre precisare che, invocando a proprio favore il documento sottoscritto ex adverso, si può ritenere che la parte producente manifesti l'univoca volontà di aderire al contratto e di perfezionarlo sia in termini negoziali sia in termini probatori. Sennonché, alla produzione in giudizio del documento non sottoscritto non può riconoscersi altro effetto che quello di sostituire la mancata sottoscrizione contestuale. Ciò significa che la volontà di adesione al contratto, manifestata dalla parte producente, intanto determina l'incontro delle volontà in quanto la produzione intervenga in un giudizio proposto nei confronti dell'altra parte del contratto, che lo ha già sottoscritto e che mantenga ferma la volontà di contrarre. L'incontro delle volontà su un piano sostanziale, infatti, si determina solo se la controparte del processo, che ha già sottoscritto il contratto, al momento della produzione non abbia manifestato la volontà di revoca. Per contro, quando il giudizio non è proposto contro colui che ha sottoscritto il contratto, sebbene contro una parte che non l'ha firmato, la produzione del documento in sostituzione della sottoscrizione mancante non può certo produrre l'effetto dell'incontro delle volontà. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Roma, 29/09/2014.


Illecito del promotore finanziario e responsabilità solidale intermediario. Illecito promotore finanziario – Indebita appropriazione di somme attraverso modalità difformi da quelle consentite – Interruzione nesso causalità – Non sussiste – Norme su responsabilità solidale intermediario preponente – Applicabilità..
La consegna al promotore finanziario di somme di denaro con modalità difformi da quelle con cui quest’ultimo sarebbe legittimato a riceverle (ad es.: assegni bancari al portatore) non vale, in caso d’indebita appropriazione di dette somme da parte del promotore, ad interrompere il nesso di causalità esistente tra lo svolgimento dell’attività del promotore finanziario e la consumazione dell’illecito, e non preclude, pertanto, la possibilità d'invocare la responsabilità solidale dell'intermediario preponente; né un tal fatto può essere addotto dall’intermediario come concausa del danno subito dall'investitore in conseguenza dell’illecito consumato dal promotore, al fine di ridurre l’ammontare del risarcimento dovuto, perché la richiamata normativa è destinata a tutelare gli interessi del risparmiatore e non può essere quindi interpretata nel senso che da essa derivi un onere di diligenza a carico del medesimo, la cui violazione gli sia addebitabile a titolo di colpa concorrente o esclusiva. (Alessandro Orlando) (riproduzione riservata)

Ad una diversa conclusione è dato pervenire soltanto qualora emerga la prova della collusione, o quantomeno della fattiva acquiescenza, del cliente alla violazione delle regole di condotta da parte del promotore, o comunque quando le circostanze del caso in esame siano tali da implicare che il dovere di comportarsi secondo buona fede e di non pregiudicare ingiustamente le ragioni dell’altro contraente avrebbe imposto al cliente di adottare maggiore diligenza, non prestandosi al compimento di operazioni anomale quando egli sia perfettamente a conoscenza, per personale e pluriennale esperienza, del complesso iter funzionale alla sottoscrizione dei programmi di investimento. (Alessandro Orlando) (riproduzione riservata) Tribunale La Spezia, 26/03/2014.


Responsabilità della società di intermediazione finanziaria (SIM) per fatto illecito del promotore che esorbiti dal mandato. Promotore finanziario - Responsabilità solidale della società di intermediazione finanziaria - Responsabilità accertato in sede penale - Rapporto di necessario occasionalità tra le incombenze affidate e il fatto del produttore - Comportamento del promotore esorbitante dalle limite fissato dalla società - Irrilevanza - Conferimento dell'incarico da parte del cliente con modalità difforme da quelle cui il promotore legittimato - Irrilevanza..
La società di intermediazione finanziaria (SIM) è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario, anche se tali danni siano conseguenti a responsabilità accertata in sede penale, essendo sufficiente che sussista un rapporto di necessaria occasionalità tra le incombenze affidate e il fatto del promotore, che è ravvisabile in tutte le ipotesi in cui il comportamento del promotore rientri nel quadro delle attività funzionali all’esercizio delle incombenze di cui è investito. Né rileva il comportamento del promotore abbia esorbitato dal limite fissato dalla società, essendo sufficiente che la sua condotta sia stata agevolata e resa possibile dall’inserimento del promotore stesso nell’attività della SIM e si sia realizzata nell’ambito e coerentemente alle finalità in vista delle quali l’incarico è stato conferito, in maniera tale da fare apparire al terzo di buona fede che l’attività posta in essere, per la consumazione dell’illecito, rientrasse nell’incarico affidato. (Mario Camerano, Gaia Bertolin) (riproduzione riservata)

La circostanza che il cliente abbia conferito somme con modalità difformi da quelle che il promotore è legittimato a ricevere non vale ad interrompere il nesso di causalità fra lo svolgimento dell’attività dello stesso e la consumazione dell’illecito e non preclude pertanto la possibilità di invocare la responsabilità solidale dell’intermediario preponente. (Mario Camerano, Gaia Bertolin) (riproduzione riservata)

La disciplina legislativa, intesa a responsabilizzare l’intermediario che, nell’ambito del perseguimento della propria attività imprenditoriale, ha accreditato di fronte al pubblico dei possibili investitori determinati soggetti, implicitamente richiede infatti all’intermediario di esercitare un efficace controllo al fine di prevenire o scoprire tempestivamente le eventuali condotte illecite poste in essere dal promotore. (Mario Camerano, Gaia Bertolin) (riproduzione riservata) Tribunale Torino, 26/09/2013.


Domanda di manleva svolta dall’intermediario finanziario nei confronti del procacciatore d’affari non abilitato alla stipula di contratti su strumenti finanziari - Infondatezza..
In difetto di valida clausola di esonero da responsabilità, non è fondata la domanda di manleva svolta dall’intermediario finanziario condannato a risarcire gli investitori dei danni conseguenti all’inadempimento agli obblighi negoziali e dal primo proposta nei confronti di procacciatore d’affari che, benché non iscritto all’albo dei promotori finanziari, aveva fatto sottoscrivere ai clienti un contratto avente ad oggetto strumenti finanziari. (Mauro Bernardi) (riproduzione riservata) Tribunale Mantova, 15/01/2013.


Responsabilità concorrente del cliente nel comportamento tenuto dal promotore finanziario, condizioni e limiti. Promotore finanziario - Responsabilità - Colpa esclusiva o concorrente del cliente investitore - Condizioni - Limiti..
Perché al cliente investitore possa essere attribuita una colpa esclusiva o concorrente con quella del promotore che abbia distratto le somme ricevute è necessario che emerga la prova della collusione, o quanto meno della fattiva acquiescenza, del cliente alla violazione delle regole di condotta da parte del promotore o comunque che le circostanze siano tali per cui il dovere di comportarsi secondo buona fede e di non pregiudicare ingiustamente le ragioni dell'altro contraente avrebbe imposto al cliente di adottare maggior diligenza non prestandosi al compimento di operazioni anomale quando egli sia perfettamente a conoscenza del complesso iter funzionale della sottoscrizione di programmi di investimento. Perché ciò accada non è, però, sufficiente la mera consapevolezza da parte dell'investitore della violazione delle regole di comportamento cui il promotore avrebbe dovuto attenersi per la tutela dei risparmiatori, occorrendo invece che i rapporti tra promotore ed investitore presentino connotati di anomalia, se non addirittura di connivenza o di collusione in funzione elusiva della disciplina legale, con la precisazione che spetta all'intermediario l'onere di provare che l'illecito è stato consapevolmente agevolato in qualche misura dall'investitore, non potendo la collusione od una consapevole e fattiva acquiescenza del cliente essere presunte sulla base della sola circostanza che l'equivalente pecuniario dell'investimento sia stato conferito con modalità difformi da quelle previste dal regolamento Consob, ma essendo necessario che detta circostanza si accompagni con altri elementi significativi, quali ad esempio il numero e la ripetizione delle operazioni posti in essere con modalità irregolari, la durata nel tempo del rapporto tra investitore e promotore, il valore complessivo delle operazioni poste in essere, l'esperienza acquisita dal cliente negli investimenti in titoli finanziari ed in particolare la sua conoscenza del complesso iter funzionale della sottoscrizione di determinati programmi di investimento. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 24/05/2012.


Illecito del promotore finanziario e responsabilità dell'intermediario. Intermediazione mobiliare - Promotori finanziari - Danni causati a terzi - Accertata responsabilità penale del promotore - Responsabilità solidale della società - Configurabilità - Condizioni.

Intermediazione mobiliare - Responsabilità solidale dell'intermediario - Consegna da parte del cliente al promotore di somme di danaro con modalità difformi da quelle prescritte - Indebita appropriazione di tali somme da parte del promotore - Concorso del fatto colposo dell'investitore - Configurabilità - Limiti - Fondamento..
La disposizione dell'art. 5, comma quarto, della legge 2 gennaio 1991, n. 1, secondo la quale la società di intermediazione mobiliare è responsabile in solido degli eventuali danni arrecati a terzi nello svolgimento delle incombenze affidate ai promotori finanziari, anche se tali danni siano conseguenti a loro responsabilità accertata in sede penale, richiede un rapporto di "necessaria occasionalità" tra incombenze affidate e fatto del promotore, che è ravvisabile in tutte le ipotesi in cui il comportamento del promotore rientri nel quadro delle attività funzionali all'esercizio delle incombenze di cui è investito. Né rileva che il comportamento del promotore abbia esorbitato dal limite fissato dalla società, essendo sufficiente che la sua condotta sia stata agevolata e resa possibile dall'inserimento del promotore stesso nell'attività della società d'intermediazione mobiliare e si sia realizzata nell'ambito e coerentemente alle finalità in vista delle quali l'incarico è stato conferito, in maniera tale da far apparire al terzo in buona fede che l'attività posta in essere, per la consumazione dell'illecito, rientrasse nell'incarico affidato. (massima ufficiale)

In tema di intermediazione mobiliare, la mera allegazione del fatto che il cliente abbia consegnato al promotore finanziario somme di denaro con modalità difformi da quelle con cui quest'ultimo sarebbe legittimato a riceverle, non vale, in caso di indebita appropriazione di dette somme da parte del promotore, ad interrompere il nesso di causalità esistente tra lo svolgimento dell'attività dello stesso e la consumazione dell'illecito, e non preclude, pertanto, la possibilità di invocare la responsabilità solidale dell'intermediario preponente; né un tal fatto può essere addotto dall'intermediario come concausa del danno subito dall'investitore, in conseguenza dell'illecito consumato dal promotore, al fine di ridurre l'ammontare del risarcimento dovuto. Le disposizioni di legge e regolamentari dettate in ordine alle modalità di corresponsione al promotore finanziario dell'equivalente pecuniario dei titoli acquistati o prenotati, infatti, sono dirette unicamente a porre a suo carico un obbligo di comportamento al fine di tutelare l'interesse del risparmiatore e non possono, quindi, logicamente interpretarsi come fonte di un onere di diligenza a carico di quest'ultimo, tale da comportare un addebito di colpa (concorrente, se non addirittura esclusiva) in capo al soggetto danneggiato dall'altrui atto illecito, e salvo che la condotta del risparmiatore presenti connotati di "anomalia", vale a dire, se non di collusione, quanto meno di consapevole e fattiva acquiescenza alla violazione delle regole gravanti sul promotore, palesata da elementi presuntivi, quali ad esempio il numero o la ripetizione delle operazioni poste in essere con modalità irregolari, il valore complessivo delle operazioni, l'esperienza acquisita nell'investimento di prodotti finanziari, la conoscenza del complesso "iter" funzionale alla sottoscrizione di programmi di investimento e le sue complessive condizioni culturali e socio-economiche. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 24/03/2011.


Illecito del promotore, responsabilità dell'intermediario preponente e nesso di occasionalità necessaria. Intermediari finanziari - Responsabilità del preponente per il fatto del promotore finanziario - Presupposti - Rapporto di necessaria occasionalità tra incombenze affidate e fatto del promotore - Necessità - Limitazione alle sole negoziazioni aventi ad oggetto prodotti finanziari del preponente - Esclusione..
In tema di intermediazione finanziaria, l'intermediario preponente risponde in solido del danno causato al risparmiatore dai promotori finanziari da lui indicati in tutti i casi in cui sussista un nesso di occasionalità necessaria tra il fatto del promotore e le incombenze affidategli. Tale responsabilità sussiste non solo quando detto promotore sia venuto meno ai propri doveri nell'offerta dei prodotti finanziari ordinariamente negoziati dalla società preponente, ma anche in tutti i casi in cui il suo comportamento, fonte di danno per il risparmiatore, rientri comunque nel quadro delle attività funzionali all'esercizio delle incombenze affidategli. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. III, 25/01/2011.


Consegna di somme al promotore infedele, violazione di norme regolamentari e di comune prudenza e diligenza e responsabilità oggettiva dell'intermediario. Promotori finanziari - Norme di comportamento dettate dall'articolo 96 del regolamento Consob n. 11522 del 1998 - Destinatario delle norme - Investitore - Esclusione - Fattispecie.

Promotori finanziari - Responsabilità dell'intermediario per i danni arrecati dal promotore - Ratio - Onere dell'intermediario di esercitare un controllo preventivo - Rischio dell'attività posto a carico dell'intermediario che sceglie il promotore..
Le norme di comportamento dettate dall'articolo 96 del regolamento Consob n. 11522 del 1998 sono poste a carico non degli investitori ma dei soggetti qualificati (nel caso di specie, il Tribunale ha ritenuto che nessuna violazione di tali norme e delle comuni regole di diligenza e di prudenza fosse addebitabile all'investitore che aveva consegnato al promotore finanziario le somme investite mediante bonifico sul conto corrente del promotore ed altresì mediante assegni circolari a lui intestati). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)

La ratio dell'articolo 31, d.lgs. 58/1998, il quale afferma la responsabilità in solido dell'intermediario per i danni arrecati dal promotore finanziario anche quando siano conseguenza di reato, è quella di responsabilizzare l'intermediario che, nell'ambito del perseguimento della propria attività imprenditoriale, ha accreditato di fronte al pubblico dei possibili investitori determinati soggetti. L’intermediario ha, infatti, l‘onere di esercitare un'efficace controllo al fine di prevenire o scoprire tempestivamente le eventuali condotte illecite poste in essere dal promotore. Si tratta di una ipotesi di responsabilità oggettiva, imputandosi alla società intermediaria, nell'interesse della quale l’attività venga svolta dal promotore, il costo del rischio dell'attività medesima e quindi l'illecito del promotore. Il rischio infatti non può cadere sull'inerme risparmiatore ma deve cadere su chi sceglie il collaboratore, se ne avvale, l'organizza, lo controlla e può tradurre il rischio stesso in costo. Va, infine, rilevato che la responsabilità solidale dell'istituto di credito con il proprio promotore finanziario anche per fatti integranti reato, sussiste indipendentemente dalla circostanza che i contratti stipulati dal promotore non siano mai stati portati a conoscenza dell'istituto e non siano mai stati da questi accettati. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Pescara, 16/11/2010.


Responsabilità della SIM per fatto illecito, anche doloso, del promotore – Natura di responsabilità obiettiva per fatto altrui – Sussistenza..
Le norme di cui agli art. 5, comma 4, L. n. 1 del 2 gennaio 1991 (c.d. legge SIM), art. 23, comma 3° D.L.vo n. 415 del 23 luglio 1996, e, da ultimo, art. 31, comma 3°, del D.L.vo n. 58 del 24 febbraio 1998, configurano, in capo all’intermediario, una responsabilità oggettiva indiretta per fatto altrui; tale responsabilità, in particolare, opera per il solo fatto che l’illecito del promotore abbia un nesso di occasionalità con lo svolgimento dell’attività per conto dell’intermediario, non presuppone alcuna colpa in capo al preponente (né sotto il profilo della erronea scelta del collaboratore, né sotto l’aspetto della negligente vigilanza sulla sua attività) e non è esclusa dal comportamento doloso del promotore, come si ricava all’evidenza dalla norma che include anche il caso di danni derivanti da illecito penale (fattispecie in tema di appropriazione indebita di denaro degli investitori da parte del promotore finanziario, che si faceva consegnare denaro in contanti o assegni, presentando poi documenti contraffatti attestanti l’utilizzo del denaro in acquisto di strumenti finanziari). (Mario Coderoni) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 29/10/2010.


Appropriazione indebita di denaro da parte del promotore finanziario – Pagamento in contanti o mediante assegno al portatore – Concorso colposo del danneggiato ex art. 1227 – Esclusione..
Non dà luogo ad un’ipotesi di concorso di colpa del danneggiato la circostanza che il pagamento al promotore avvenisse in contanti, in violazione della normativa sui rapporti tra investitore e promotore finanziario, che prevede, quale esclusiva modalità di pagamento al promotore, soltanto assegni o altri titoli di credito non trasferibili, intestati all’intermediario, oppure ordini di bonifico o ancora strumenti finanziari all’ordine, comunque intestati all’intermediario, trattandosi di norme che impongono un obbligo di comportamento gravante sul promotore, per di più posto proprio a tutela del cliente-investitore; e ciò anche ove il cliente fosse consapevole della violazione posta in essere dal promotore, salvo il caso in cui tra i due soggetti vi sia stata una vera e propria collusione.
Nemmeno può assumere rilevanza, il pagamento di una somma superiore a L. 20.000.000 mediante un assegno emesso al portatore, in violazione della normativa antiriciclaggio all’epoca vigente (L. 5.07.1991, n. 197); infatti, in base al c.d. principio di causalità giuridica, perché si configuri un illecito civile non è sufficiente l’accertamento dell’avvenuta violazione di norme o di regole di diligenza e prudenza, ma è anche necessario che tale violazione abbia causato (o, quanto meno, concorso a causare) l’evento dannoso; in particolare, in caso di violazione di norme specifiche, è necessario che il danno verificatosi costituisca concretizzazione di quel rischio specifico che la norma prudenziale violata mira ad evitare. (Mario Coderoni) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 29/10/2010.


Storno di promotori finanziari e concorrenza sleale. Promotori finanziari – Concorrenza sleale – Storno di promotori – Trasferimento di un ingente numero di promotori da una rete all’altra – Animus nocendi – Compimento di atti scorretti – Eslcusione..
Il passaggio di un ingente numero di promotori finanziari da una banca all’altra non costituisce di per sé un atto di concorrenza sleale qualora manchi la prova dell’animus nocendi e del compimento di pratiche scorrette quali l’offerta di condizioni economiche non linea con il mercato, la denigrazione, la diffusione di notizie false ecc. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Monza, 08/03/2010.


Responsabilità della SGR per il fatto delle società mandatarie e dei loro dipendenti e ausiliari. SGR – Società gestione risparmio – Responsabilità per il fatto illecito commesso dalla mandataria e dei dipendenti ed ausiliari di questa – Sussistenza..
In virtù dei principi contenuti negli artt. 1228 e 2049 cod. civ., la società di gestione di fondi di investimento è tenuta a rispondere nei confronti dei terzi in buona fede dei danni loro arrecati dall'illecito comportamento della società mandataria a cui sia stata affidata la distribuzione delle quote del fondo. La mandante risponde nei confronti dei terzi anche degli illeciti commessi dai dipendenti o dagli ausiliari della mandataria, restando relegata ai rapporti interni la ripartizione delle responsabilità fra mandante e mandataria. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. III, 05/06/2009.


Promotore finanziario – Appropriazione di denaro dei clienti – Consegna del denaro mediante assegni non intestati - Responsabilità della banca – Sussistenza..
La responsabilità della banca per il fatto del promotore che si sia appropriato delle somme ricevute dai clienti sussiste anche nel caso in cui il denaro sia stato consegnato al promotore mediante assegni privi della intestazione del beneficiario; il mancato rispetto di tale regola, di carattere eminentemente tecnico, è infatti imputabile al promotore e non ai clienti che in lui hanno riposto la loro fiducia. (fb) Tribunale Venezia, 17/02/2009.


Promotore finanziario – Appropriazione indebita – Danni morale – Sussistenza -  Quantificazione..
Qualora il promotore finanziario si sia appropriato di somme dei propri clienti ed il fatto si configuri come penalmente rilevante, al cliente potrà essere riconosciuto il risarcimento del danno morale. (Nella specie, tale voce di danno è stata liquidata nella misura di un terzo del danno patrimoniale). (fb) Tribunale Venezia, 17/02/2009.


Pagamenti al promotore e responsabilità del cliente. Promotore finanziario – Violazione delle norme sulle forme di pagamento – Responsabilità dell’investitore – Esclusione..
Non è consentito far gravare sul cliente regole di diligenza imposte dall’ordinamento in capo a soggetti qualificati, quali quelle previste dall’art. 96 reg. Consob sulle forme di pagamento ricevibili dal promotore, poiché tali norme, lungi dal configurare un onere di diligenza in capo al risparmiatore, sono al contrario poste a sua tutela. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 01/04/2008.


Promotore finanziario cancellato dall’albo e responsabilità della SIM. Promotore finanziario – Responsabilità della S.I.M. – Sussistenza del mandato – Necessità..
Poiché la responsabilità cd. oggettiva della società di intermediazione mobiliare per il fatto illecito del promotore è configurabile solo ove il soggetto che ha cagionato il danno a terzi sia, al momento del verificarsi dell’evento dannoso, promotore della società o comunque legato ad essa, tale responsabilità non è configurabile qualora il medesimo sia stato cancellato dall’albo dei promotori finanziari e non risulti che egli abbia agito su richiesta e per conto della società. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Torino, 18/03/2008.


Fondi di investimento – Corresponsabilità della società capogruppo per l’inadempimento della società di gestione – Sussistenza..
La società capogruppo è corresponsabile ai sensi dell’art. 38 reg. Consob 11522/98 nei confronti dei sottoscrittori delle quote del fondo per ogni pregiudizio subito in conseguenza dell’inadempimento della società di gestione. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Trani, 10/12/2007.


Intermediario finanziario – Responsabilità per il fatto illecito del promotore – Natura di responsabilità oggettiva – Sussistenza. .
Secondo l’opinione prevalente, la responsabilità dell’intermediario per il fatto del promotore integra un caso particolare di responsabilità oggettiva per fatto altrui, assimilabile a quella prevista dall’art. 2049 c.c., imputandosi alla società intermediaria, nell’interesse della quale l’attività viene svolta, il costo del rischio creato dalla società stessa, prescindendo da ogni indagine relativa alla colpa, e ciò al fine di offrire una tutela rafforzata all’investitore, che può così contare anche sul patrimonio dell’intermediario. E tale responsabilità sussiste anche se il promotore ha agito oltre i limiti delle sue incombenze o trasgredendo gli ordini ricevuti o addirittura con dolo, purché l’attività sia in sé riconducibile all’incarico affidato. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Biella, 05/06/2007.


Intermediario finanziario – Responsabilità per il fatto illecito del promotore – Modalità di pagamento difformi – Irrilevanza – Obbligazione di garanzia – Sussistenza..
Qualora l’investitore faccia valere la responsabilità “oggettiva” dell’intermediario per il fatto del promotore, non assume rilievo la circostanza che il versamento sia avvenuto con modalità diverse da quelle previste nelle disposizioni di settore, posto che il destinatario di tali prescrizioni è il promotore e non l’investitore. Neppure può avere rilievo il fatto che le modalità di pagamento possano essere espressione di una condotta negligente o imprudente dell’investitore, essendo l’obbligazione dell’intermediario una obbligazione di garanzia, sicchè quest’ultimo non potrà opporre all’investitore le eccezioni che non avrebbe potuto opporre il promotore finanziario. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Biella, 05/06/2007.


Truffa del promotore e corresponsabilità del cliente. Intermediazione mobiliare – Truffa ai danni del cliente da parte del promotore finanziario B presentatogli da A, che ha prestato assistenza al contratto – Obblighi di protezione del cliente – Sussistenza – Obblighi di protezione del mandante – Sussistenza – Corresponsabilità del promotore e del mandante – Versamenti effettuati tramite modalità non consentite dalla comunicazione informativa del mandante – Corresponsabilità del cliente..
Nel caso in cui il promotore finanziario A abbia presentato ad un proprio cliente il promotore finanziario B, che ordisce poi ai suoi danni una truffa mediante l’uso di moduli intestati alla Banca mandante e spendendo il suo nome, e sempre A abbia assistito lo stesso cliente nella stipula del contratto truffaldino, oltre a B (pur prescindendo da non provate collusioni con A) sono responsabili A, per la violazione degli obblighi di protezione del cliente e del mandante, quest’ultimo (sia in eligendo che in vigilando) e lo stesso cliente, ove la modalità di versamento adottata non sia conforme a quanto prescritto nelle condizioni contrattuali. (Giuseppe Limitone) (riproduzione riservata) Tribunale Vicenza, 24/05/2007.


Confessione del promotore e limiti della responsabilità della banca. Promotori finanziari – Responsabilità del soggetto abilitato all’offerta di servizi di investimento per il danno causato dal promotore – Prova oggettiva dell’avvenuta consegna delle somme investite – Necessità – Confessione del promotore – Irrilevanza..
Deve escludersi la responsabilità del soggetto abilitato ai sensi dell’art. 31, 3° comma, TUF qualora la prova dell’avvenuta consegna delle somme da parte dell’investitore si fondi esclusivamente sulla confessione del promotore finanziario e da documentazione dallo stesso formata. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 17/04/2007.


Negoziazione fuori sede e facoltà di recesso. Intermediazione finanziaria – Ordine di negoziazione fuori sede – Omessa menzione della facoltà di recesso – Nullità – Sussistenza..
E’ nullo l’acquisto di prodotti finanziari (nella specie obbligazioni Cirio) effettuato con ordine di negoziazione conferito per il tramite di promotore finanziario presso il domicilio dell’investitore ove manchi la menzione della facoltà di recesso prevista dall’art. 30 Dlgs 58/98. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 04/04/2007.


Esclusa la responsabilità della SIM per il fatto del promotore. Promotori finanziari – Responsabilità della SIM per il fatto illecito del promotore – Esistenza di un rapporto di mandato – Necessità. Promotori finanziari – Rappresentanza apparente – Mancanza del contratto quadro – Ragionevole affidamento dell’investitore – Esclusione..
Affinché possa applicarsi l’art. 31, secondo comma, del TUF - che prevede la responsabilità in solido del soggetto che conferisce l’incarico al promotore finanziario per i danni da questi arrecati - occorre che il promotore, allorché ha posto in essere gli atti illeciti, sia munito del mandato da parte della SIM o di altro soggetto abilitato, a nulla rilevando l’esistenza di un rapporto di mandato in epoca precedente e successiva alla commissione degli illeciti. Non può ritenersi applicabile il principio dell’apparenza del diritto e quindi della esistenza di un mandato della SIM a favore di un promotore finanziario nell’ipotesi in cui le operazioni siano state da questi poste in mancanza di un contratto la cui forma scritta è prevista ad substantiam dall’art. 23 del TUF ed in mancanza altresì di altri elementi obiettivi idonei a giustificare l’erroneo convincimento dell’esistenza di un rapporto di rappresentanza. Tribunale Torino, 19/12/2006.


Responsabilità dell’intermediario per il fatto illecito del promotore – Rapporto di preposizione - Responsabilità oggettiva – Sussistenza – Colpa in vigilando o in eligendo – Irrilevanza..
La responsabilità dell'intermediario ex art. 31 d. lgs. 58/98 ha natura oggettiva e, quindi, prescinde da ogni valutazione di colpa in vigilando o in eligendo dello stesso e sussiste, ove sia riscontrabile un rapporto di preposizione, il fatto illecito del promotore e la connessione fra incombenze e danno. (Mauro Bernardi) (riproduzione riservata) Tribunale Mantova, 27/10/2005.


Responsabilità oggettiva dell’intermediario per il fatto del promotore – Presupposti – Rapporto di occasionalità tra incombenza e danno – Spendita del nome..
Ai fini della responsabilità solidale prevista dall'art. 31 d. lgs 58/98 è sufficiente l'esistenza di un rapporto di necessaria occasionalità tra incombenze affidate e fatto del promotore finanziario, ravvisabile ove quest'ultimo abbia speso il nome dell'intermediario. (Mauro Bernardi) (riproduzione riservata) Tribunale Mantova, 27/10/2005.


Ordine di negoziazione trasmesso da promotore finanziario – Responsabilità della banca – Sussistenza – Solidarietà passiva – Esclusione..
La banca intermediaria è responsabile di eventuali danni arrecati all’investitore anche nel caso in cui si sia limitata a dare esecuzione ad un ordine di negoziazione comunicato da un promotore finanziario. In tal caso, la banca non potrà invocare la solidarietà passiva prevista dall’art. 31, comma II, TUIF al fine di essere mallevata dai danni arrecati al cliente dal promotore e ciò in quanto, nell’ipotesi in esame, il danno è stato arrecato dalla banca che ha dato esecuzione all’ordine di acquisto e non dal promotore finanziario che ha trasmesso l’ordine. Tribunale Pescara, 21/10/2005.


Intermediazione mobiliare – Responsabilità della SIM per il fatto illecito anche penale del promotore – Natura oggettiva – Sussistenza – Irregolare versamento delle somme – Irrilevanza..
Ha natura oggettiva la responsabilità della società di intermediazione per i danni cagionati dal promotore che abbia agito nell'ambito dell'esercizio delle incombenze affidategli dalla società stessa. La società preponente è pertanto responsabile nei confronti dell’investitore per i danni da questi subiti per effetto della distrazione di somme operata dal promotore e tale responsabilità non può ritenersi esclusa dal fatto che l’investitore abbia effettuato i versamenti di tali somme con modalità difformi da quelle previste dai contratti sottoscritti. Tribunale Torino, 07/10/2004.


Responsabilità della SIM per fatto del promotore finanziario. Responsabilità della SIM per il fatto illecito anche penale del promotore finanziario - Sussistenza..
Sussiste la responsabilità della società mandante per i danni arrecati a terzi dal fatto illecito del promotore finanziario. Tale responsabilità sussiste anche nel caso in cui il promotore abbia agito illecitamente ed anche quando il comportamento del promotore possa integrare gli estremi dell'illecito penale. E' configurabile peraltro in ipotesi di fatto illecito del promotore finanziario ai danni della clientela della SIM, la responsabilità di questa anche ai sensi dell'art. 2049 c.c.- Qualora il danno ingiusto che il promotore finanziario abbia causato abusando dei poteri a lui attribuiti dalla SIM e dalla fiducia dei clienti di quest'ultima consista nell'espletamento di operazioni non autorizzate e nella mancata esecuzione di quelle autorizzate dai clienti, il quantum risarcibile va determinato in ragione dei risultati che il danneggiato avrebbe conseguito dalla puntuale negoziazione dei titoli. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Lecce, 28/06/2004.


Nuovo rito in materia finanziaria. Promotore finanziario - Violazione degli artt. 95, 96 e 98 reg. Consob n. 11522/98 - Risarcimento del danno - Responsabilità della banca - Nuovo processo societario - Applicabilità..
Rientra nel novero dei procedimenti di cui all’art. 1, I co. lett d) del d. lgs. n. 5/03, la controversia con la quale si deduce la violazione da parte del promotore finanziario degli artt. 95, 96 e 98 reg. Consob n. 11522/98 e si chiede la condanna al risarcimento del danno dello stesso promotore e, in via solidale ex art. 31, III co. d. lgs. n. 58/98, della banca preponente. Tribunale Mantova, 15/06/2004.


Promotore finanziario e distrazione di fondi. Intermediazione mobiliare – Promotore finanziario – Responsabilità del preponente per i danni causati all’investitore – Natura – Conseguenze..
La responsabilità dell'intermediario per il fatto del promotore ha carattere essenzialmente oggettivo, imputandosi alla società intermediaria, nell'interesse della quale l'attività viene svolta dal promotore, il costo del rischio dell'attività medesima e quindi l'illecito del promotore. Le norme in materia tendono infatti a far in modo che il rischio dell’attività del promotore non cada sull’inerme risparmiatore ma su chi sceglie il collaboratore, se ne avvale, lo organizza, lo controlla e può tradurre il rischio stesso in costo.
Da ciò consegue che:
a) è necessario e sufficiente per il risparmiatore provare la qualità di promotore del soggetto che ha distratto i fondi e appunto la distrazione delle somme, spettando alla società intermediaria eccepire e dimostrare - quale unica possibilità di esclusione della responsabilità - la collusione consapevole tra risparmiatore e promotore e cioè che l'investimento è avvenuto per espresso patto tra le parti al di fuori dell'incarico conferito per avere il cliente consapevolmente richiesto investimenti finanziari del tutto estranei all'attività svolta dalla s.i.m.;
b) la responsabilità solidale della s.i.m sussiste anche se il promotore non abbia il potere di rappresentanza ed a prescindere dal fatto che il promotore stesso sia o meno rappresentante apparente della società;
c) la responsabilità solidale della s.i.m non è esclusa dal fatto che il rapporto contrattuale intrattenuto dal promotore col cliente sia formalmente riconducibile a soggetti terzi o al promotore stesso, qualora questi abbia operato nel medesimo contesto spazio temporale in cui svolgeva le sue funzioni di promotore della s.i.m e per analoghe finalità di investimento finanziario;
d) la responsabilità solidale della s.i.m. non è esclusa dall'irregolare forma di pagamento adottata dal risparmiatore danneggiato, in difformità dalle indicazioni fornite dalla società preponente e dalla normativa Consob di settore, se non nel caso in cui si evidenzi una colpa esclusiva del risparmiatore; per imprudenza non scusabile, tale da rivestire un'incidenza causale determinante ed unica nella creazione del danno. Tribunale Mantova, 13/10/2003.