Massimario di Diritto Bancario


RECESSO AD NUTUM

Illegittima dichiarazione di recesso unilaterale della Banca da contratti di apertura di credito in conto corrente e rimedi d’urgenza. Procedimento cautelare ex art. 700 c.p.c. - Illegittimità dichiarazione di recesso unilaterale della banca - Domanda di accertamento dell’inefficacia della dichiarazione di recesso - Applicabilità.
E’ possibile il ricorso al rimedio cautelare atipico ex art. 700 c.p.c. al fine di sentire dichiarare l’inefficacia di dichiarazioni di recesso unilaterale della Banca da contratti di apertura di credito in conto corrente e/o di dichiarazioni unilaterali della Banca di risoluzione di contratti di mutuo ipotecario, purché tali dichiarazioni unilaterali siano illegittime e pertanto in contrasto con la legge, con il regolamento contrattuale inter partes e con il contegno in precedenza tenuto dalla stessa Banca. (Paolo Cevasco) (riproduzione riservata) Tribunale Roma, 02/12/2016.


Illecito recesso della banca dalla apertura di credito e risarcimento del danno. Apertura di credito a tempo indeterminato – Recesso della banca – Imprevisto e arbitrario – Illiceità – Risarcimento del danno (anche in via equitativa). .
In linea di principio, l’esercizio del recesso dall’apertura di credito a tempo indeterminato corrisponde, ove effettuato con i prescritti modi di preavviso, a un diritto della banca. Lo stesso è però illecito quando avvenga in termini imprevisti e arbitrari, così la banca venendo ad abusare del proprio diritto. Alla declaratoria di abuso consegue non l’obbligo di ripristinare il credito, bensì quello di risarcire il danno. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò) (riproduzione riservata) ABF Milano, 28/10/2011.


Recesso dal contratto di apertura di credito senza preavviso con motivazione incongrua. Apertura di credito a tempo indeterminato – Recesso della banca – Esercizio secondo buona fede – Mancanza di termine di preavviso – Incongruenza della motivazione addotta nel recedere – Diritto del cliente a vedersi risarcire il danno sofferto. .
E’ contrario al canone di buona fede ed espone a risarcimento dei danni il comportamento della banca che recede da un contratto di apertura di credito a tempo indeterminato senza preavviso e adducendo, nell’atto di esercizio, una motivazione incongrua. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò – Francesca Conte) (riproduzione riservata) ABF Roma, 23/04/2010.


Recesso dal contratto di apertura di credito senza preavviso e responsabilità della Banca. Apertura di credito a tempo indeterminato – Recesso della banca – Esercizio secondo buona fede – Mancanza di termine di preavviso –  Assenza di motivazione – Diritto del cliente a vedersi risarcire il danno sofferto. .
E’ illegittimo e contrario al canone di buona fede ed espone a risarcimento dei danni il comportamento della banca che recede da un contratto di apertura di credito a tempo indeterminato senza preavviso e senza motivi. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò – Francesca Conte) (riproduzione riservata) ABF Napoli, 15/03/2010.