LIBRO TERZO
Del processo di esecuzione
TITOLO II
Dell'espropriazione forzata
CAPO II
Dell'espropriazione mobiliare presso il debitore
SEZIONE III
Dell'assegnazione e della vendita

Art. 538

Nuovo incanto (1)
Testo a fronte
TESTO A FRONTE

I. Quando una cosa messa all'incanto resta invenduta, il soggetto a cui è stata affidata l'esecuzione della vendita fissa un nuovo incanto ad un prezzo base inferiore di un quinto rispetto a quello precedente.



________________
(1) Articolo sostituito dalla l. 24 febbraio 2006, n. 52.

GIURISPRUDENZA

Esecuzione forzata – Pignoramento di quota di società a responsabilità limitata – Quote non liberamente trasferibili – Tutela dell’interesse alla coesione sociale – Fissazione del terzo incanto con ribasso del prezzo – Facoltà di presentazione di altro acquirente di cui all’art. 2471 cod. civ. – Limite alla libera formazione del prezzo di mercato – Ingiustificato pregiudizio dei creditori – Sussistenza – Questione di costituzionalità – Rilevanza..
E’ rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2471 del codice civile e 538 del codice di procedura civile - per contrasto con gli artt. 3, 42, 24 e 111 Cost. - nella parte in cui non prevedono, in caso di mancata vendita della quota pignorata di società a responsabilità limitata anche dopo il secondo incanto e in difetto di altri beni pignorabili del debitore esecutato, la possibilità per il giudice dell’esecuzione di disporre nuovo incanto a prezzo ribassato fino ad un quinto escludendo che la società, nei dieci giorni dall’aggiudicazione, possa presentare un altro acquirente che offra lo stesso prezzo. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Bologna, 14 Maggio 2007.