Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi

Articolo conc-trust ∙ (Trust e concordato preventivo)


Modifica dell'atto istitutivo
Tutte le MassimeCassazione
Interessi meritevoli di tutelaTrust liquidatorioValutazione di fattibilità giuridicaFinanza esternaCommissario giudizialeNomina a protector del commissario giudizialePartecipazioni societarieSostituzione del trusteeModifica dell'atto istitutivoAzione revocatoriaRegime fiscale


Modifica dell'atto istitutivo

Concordato preventivo - Trust - Attribuzione al disponente di potere illimitato di modifica dell’atto istitutivo del trust - Non riconoscibilità nell’ordinamento italiano
L’attribuzione al disponente di un illimitato potere di modificare l’atto istitutivo di trust determina l’irriconoscibilità del trust nell’ordinamento italiano, poiché l’art. 2 della Convenzione de L’Aja richiede che i beni siano posti sotto il controllo del trustee. (Giovanni Fanticini) (riproduzione riservata) Tribunale Reggio Emilia, 21 Ottobre 2014.


Concordato preventivo - Trust - Indizi della mancanza della volontà di istituire il trust
La modificazione ad nutum dell’atto istitutivo di trust da parte del disponente (con variazione delle finalità originarie e rideterminazione dell’assetto dei beni in trust), la designazione a guardiano dei disponente (individuato anche come beneficiario), la compiacenza del trustee (legato da stretti vincoli di parentela col disponente e a sua volta beneficiario), la pretermissione degli interessi di alcuni beneficiari costituiscono indizi della mancanza della volontà di istituire un trust e della permanenza del controllo dei beni in capo al disponente, oltre che indici sintomatici di simulazione (sham). (Giovanni Fanticini) (riproduzione riservata) Tribunale Reggio Emilia, 21 Ottobre 2014.