Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 89 ∙ (Elenchi dei creditori e dei titolari di diritti reali mobiliari e bilancio)


Contestazione del curatore della data delle scritture contabili
Tutte le MassimeCassazione
Posizione del curatore rispetto alle scritture contabiliOpponibilità al curatore delle scritture contabiliContestazione del curatore della data delle scritture contabili


Contestazione del curatore della data delle scritture contabili

Fallimento ed altre procedure concorsuali - Fallimento - Attività fallimentari - Amministrazione - Obblighi del curatore - Elenchi dei creditori e dei diritti reali mobiliari - Formazione dello stato passivo del fallimento - Formazione dell'elenco dei creditori e partecipazione alla verifica dei crediti - Posizione di terzo del curatore ai fini dell'opponibilità delle scritture private con sottoscrizione non autenticate, ex art. 2704 cod. civ. - Esclusione - Conseguenze.
In tema di formazione dello stato passivo del fallimento, il curatore, allorché forma l'elenco dei creditori e, successivamente, partecipa alla verifica dei crediti, si trova non nella posizione di terzietà propria dei soggetti considerati dall'art. 2704 cod. civ., ai fini della determinazione dei limiti di opponibilità ad essi delle scritture private delle quali non sia autenticata la sottoscrizione, ma in quella che è propria degli ausiliari del giudice, onde non si pone, rispetto ad esso, alcuna questione di "opponibilita" in senso tecnico di scritture del tipo suddetto, alle quali il creditore istante per l'ammissione al passivo abbia affidato la dimostrazione del suo credito, con la conseguenza che al curatore stesso è dato non già eccepire l'inopponibilità per mancanza di data certa nel senso proprio del citato art. 2704 cod. civ. e cioè con effetto esclusivo della stessa possibilità di presentazione della scrittura agli organi fallimentari, bensì contestare soltanto la "verità" della data risultante dal documento o il documento stesso, così onerando l'istante della dimostrazione (con qualunque mezzo) che questo è stato firmato in data anteriore alla dichiarazione di fallimento, dovendosi escludere nel sistema del diritto concorsuale l'esclusiva incidenza della normativa dell'art. 2704 cod. civ. per la prova della data del documento del credito da ammettersi. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 13 Agosto 1992, n. 9552.