Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 87 ∙ (Inventario)


Smaltimento di rifiuti
Tutte le MassimeCassazione
L'inventario
Redazione dell'inventario, dovere di speditezza
Modalità di redazione dell'inventarioIndividuazione dei beni del fallitoAcquisizione alla massa attiva dei beni rinvenuti nella disponibilità del fallitoInclusione nell'inventario di beni mobili e presunzione assoluta di possessoAssistenza del cancelliere nelle operazioni di inventarioAttività lavorativa del cancelliere e compenso per le operazioni di inventario

Patologia
Responsabilità del curatore nella redazione dell'inventario
Erronea descrizione dei beni in sede di inventarioAttribuzione ai beni di caratteristiche non posseduteBeni affetti da vizi redibitoriRilevamento di difetto di funzionamentoCustodia dei beni e responsabilità del curatoreMancato reperimento di beni e bancarotta fraudolentaSmaltimento di rifiutiSequestro penaleReclamoRicorso per cassazione


Smaltimento di rifiuti

Fallimento – Smaltimento di rifiuti – Responsabilità del curatore del fallimento – Esclusione – Dovere del curatore di adottare particolari comportamenti attivi – Esclusione – Curatore destinatario degli obblighi di ripristino quale “altro detentore” qualificato – Esclusione
Nel caso in cui la produzione di rifiuti sia connessa all’esercizio di una attività imprenditoriale di stoccaggio finalizzato al recupero, la curatela fallimentare non può essere destinataria, a titolo di responsabilità di posizione, di ordinanze sindacali dirette alla tutela dell'ambiente per effetto del precedente comportamento omissivo o commissivo dell'impresa fallita, non subentrando la curatela negli obblighi più strettamente correlati alla responsabilità del fallito e non sussistendo, per tal via, alcun dovere del curatore di adottare particolari comportamenti attivi, finalizzati alla tutela sanitaria degli immobili destinati alla bonifica da fattori inquinanti.

E’, pertanto, esclusa una responsabilità del curatore del fallimento quale soggetto obbligato allo smaltimento dei rifiuti prodotti dal fallito, o quale destinatario degli obblighi ripristinatori di cui all’art. 192, comma 3, TUA, non essendo il curatore né l’autore della condotta di abbandono incontrollato del rifiuto, né l’avente causa a titolo universale del soggetto inquinatore, posto che la società dichiarata fallita conserva la propria soggettività giuridica e rimane titolare del proprio patrimonio, attribuendosi la facoltà di disposizione al medesimo curatore.

Deve, inoltre, escludersi che il curatore possa ritenersi destinatario degli obblighi di ripristino quale “altro detentore” qualificato dei beni ove egli ometta di inventariare tali beni, ovvero, dopo averli inventariati, decida di abbandonarli in quanto beni di nessun valore e fonti di ingentissimi costi per il loro trattamento e smaltimento.

Appare, pertanto, principio acquisito quello secondo cui il curatore del fallimento non può ritenersi né produttore, ancorché come avente causa del fallito, né detentore qualificato (in caso di mancata inventariazione o abbandono dei rifiuti) a termini dell’art. 188 TUA. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 08 Giugno 2017.