Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 182-septies ∙ (Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria)


Criteri di formazione delle categorie tra creditori bancari
Tutte le MassimeCassazione
NaturaCriteri di formazione delle categorie tra creditori bancariEffetti dell'estensione dell'accordo ai non aderentiAlternative concretamente praticabili


Criteri di formazione delle categorie tra creditori bancari

Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari ex art. 182 septies l.f. – Natura
L’accordo di ristrutturazione ex art. 182 septies l. fall. ha introdotto una particolare fattispecie di accordo di ristrutturazione alla quale si applicano cumulativamente le disposizioni dell’art. 182 bis e dell’art. 182 septies l. fall. Detto accordo si sottrae, in ragione dell’espressa deroga normativa, alla disciplina di cui agli artt. 1372 e 1411 c.c., per cui pare così condivisibile la tesi di chi ha ritenuto che in questo modo il legislatore abbia inteso perseguire il disegno di rendere gli accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari, piuttosto che contratti, ulteriori procedure concorsuali di stampo negoziale da affiancarsi ai concordati.

Nella descritta prospettiva la formazione delle categorie, con la necessità che tutti i creditori in esse ricompresi siano informati dell'avvio delle trattative, siano messi in condizione di parteciparvi in buona fede e raggiungano un consenso del 75%, può essere considerata come una sorta di procedimento di voto in formato minore, nel cui ambito gli incontri per lo svolgimento delle trattative costituiscono una deformalizzata assemblea, mentre la partecipazione agli stessi e l’ adesione costituiscono una forma semplificata di suffragio.

Non è possibile invece valutare le scelte di merito e di convenienza attraverso le quali il proponente abbia inteso perseguire il risanamento - con particolare riferimento nel caso di specie alla scelta di procedere a una vendita del compendio immobiliare inizialmente a valori di mercato, nell' auspicio di un' inversione di tendenza dell' attuale andamento economico - a meno che queste scelte incidano sulla idoneità del piano ad assicurare il pagamento dei creditori estranei e, più in generale, a superare la situazione di crisi e di insolvenza, condizione che nel caso di specie non ricorre; si veda in questo senso Tribunale Bologna 17.11.2011, in Il Fallimento, 2012, 594. (Astorre Mancini) (riproduzione riservata) Tribunale Forlì, 05 Maggio 2016.


Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari ex art. 182-septies l.f. – Natura Criteri di formazione delle categorie tra creditori bancari – Criterio dell’omogeneità per posizione giuridica e interesse economico – Definizione
L’ art. 182 septies l. fall., nel prevedere un controllo dei criteri di formazione delle categorie, richiede che le stesse siano omogenee per posizione giuridica e interesse economico, dovendosi intendere per posizione giuridica la tipologia dell' operazione creditizia da cui il debito trae origine e per interesse economico la tipologia della garanzia di soddisfazione per il creditore, con la conseguente necessità di tenere conto di eventuali garanzie collaterali detenute da alcuni creditori facenti parte della categoria. (Astorre Mancini) (riproduzione riservata) Tribunale Forlì, 05 Maggio 2016.