Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 182-quater ∙ (Disposizioni in tema di prededucibilità dei crediti nel concordato preventivo, negli accordi di ristrutturazione dei debiti)


Finanziamenti dei soci
Tutte le MassimeCassazione
Finanziamenti in funzione o in esecuzione di una procedura concorsualeFinanziamenti in funzione o in esecuzione di un accordo di ristrutturazione dei debitiErogazione del finanziamentoPagamento della cauzioneCompensi professionaliFinanziamenti dei sociCrediti per prestazioni professionaliConcordato con riservaAccertamentoL'attestazioneCasi particolariPromessa di caquisto dell'azienda e caparrDeposito cauzionaleRegime anteriore alla legge 7 agosto 2012, n. 13


Finanziamenti dei soci

Concordato preventivo – Finanziamenti dei soci in funzione della procedura – Prededuzione – Fattispecie ante d.l. 22 giugno 2012, n. 83 – Esclusione – Postergazione
Prima dell’entrata in vigore del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, non vi era alcuna norma che riconoscesse, in deroga agli artt. 2467 e 2497-quinquies c.c., la prededuzione ai finanziamenti effettuati dai soci in funzione della procedura di concordato preventivo, finanziamenti che rimanevano pertanto soggetti alla regola della postergazione. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 12 Luglio 2018, n. 18489.


Concordato preventivo - Intervento finanziario di terzi - Modalità di erogazione di finanziamento con beneficio della prededuzione - Esclusione del diritto di opzione dei soci - Rinuncia al rimborso e alla prededuzione - Conversione dei finanziamenti in capitale di rischio
Nel caso di specie, il piano è caratterizzato dall'intervento finanziario di una società terza, la quale, sottoscrivendo la domanda di concordato ai sensi dell'articolo 182-quater, commi 1 e 3, legge fall., ad omologa avvenuta, nella fase esecutiva del piano: 1) erogherà un finanziamento pari ad euro 1 milione assistito dal beneficio della prededuzione ai sensi dell'articolo 182-quater, comma 1, legge fall. in favore della proponente; 2) a favore dell'esclusione del diritto di opzione dei soci, rinuncerà contestualmente al rimborso ed alla prededuzione, convertendo il finanziamento in capitale di rischio ed acquisendo, così, l'integrale partecipazione nella società proponente ai sensi dell'articolo 182-quater, comma 3, ultimo capoverso, legge fall.. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Massa, 04 Febbraio 2016.