Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 174 ∙ (Adunanza dei creditori)


Contestazione di crediti
Tutte le MassimeCassazione
Gruppo di impreseVoto preventivo o successivo all'adunanzaMandatario specialeComputo delle maggioranzeCommissario giudizialeInformazione ai creditoriRinuncia il credito subordinatamente all'omologazioneFideiussoriTerzo datore di ipotecaContratti pendentiContratto di leasingContestazione di creditiFusione societariaProposte migliorativeEffetti del decreto di apertura del concordato preventivoEffetti della pubblicità del decreto che dichiara aperta la procedura di concordato preventivoCessione dei beniNotifica al conservatore dell'estratto autentico del decreto di ammissione al concordato preventivoImmobili di terziBeni del terzo garanteImproseguibilità della domanda di concordatoRinuncia alla domanda di concordatoOrdine di cancellazione


Contestazione di crediti

Concordato preventivo - Esposizione di credito contestato in misura inferiore a quella pretesa e senza il privilegio richiesto - Disamina della doglianza in sede di adunanza dei creditori - Corretta informazione del ceto creditorio.
La disamina, in sede di adunanza dei creditori, delle doglianze esposte da chi lamenti l'esposizione del proprio credito in misura inferiore a quella pretesa e senza riconoscimento del privilegio, è idonea a soddisfare le esigenze di corretta informazione del ceto creditorio. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Appello Firenze, 18 Ottobre 2012.


Concordato preventivo – Adunanza dei creditori – Partecipazione del creditore privilegiato – Interesse – Sussistenza.
Nel concordato preventivo, il creditore privilegiato ha interesse a partecipare all’adunanza dei creditori sia per difendere la propria posizione contro eventuali contestazioni che altri intendessero muovergli sia per interloquire con il debitore e con gli organi della procedura ed esporre le ragioni di ammissibilità o meno del concordato; il creditore privilegiato che si ritenga pregiudicato dal piano potrebbe, inoltre, sollecitare in adunanza la declaratoria di inammissibilità del concordato e il suo silenzio potrebbe essere interpretato come accettazione della proposta. (Paola Castagnoli) (riproduzione riservata) Appello Napoli, 15 Luglio 2011.