Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 174 ∙ (Adunanza dei creditori)


Proposte migliorative
Tutte le MassimeCassazione
Gruppo di impreseVoto preventivo o successivo all'adunanzaMandatario specialeComputo delle maggioranzeCommissario giudizialeInformazione ai creditoriRinuncia il credito subordinatamente all'omologazioneFideiussoriTerzo datore di ipotecaContratti pendentiContratto di leasingContestazione di creditiFusione societariaProposte migliorativeEffetti del decreto di apertura del concordato preventivoEffetti della pubblicità del decreto che dichiara aperta la procedura di concordato preventivoCessione dei beniNotifica al conservatore dell'estratto autentico del decreto di ammissione al concordato preventivoImmobili di terziBeni del terzo garanteImproseguibilità della domanda di concordatoRinuncia alla domanda di concordatoOrdine di cancellazione


Proposte migliorative

Concordato preventivo - Approvazione - Possibilità per il debitore di migliorare le proprie offerte - Esclusione
In tema di concordato preventivo, dopo la manifestazione di voto da parte dei creditori ai sensi dell'art. 175 legge fallimentare, e in caso di mancata approvazione della proposta di concordato, il debitore non ha più la possibilità di formulare proposte migliorative della originaria offerta, dovendosi definitivamente escludere ogni ulteriore sviluppo della procedura concordataria. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 04 Dicembre 1999, n. 13582.