Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 142 ∙ (Esdebitazione )




Presupposti, soddisfazione dei creditori
Espressione 'neppure in parte'
Tutte le MassimeCassazione
In generale
Ratio
Esdebitazione e crediti tributariEstinzione debiti IVAEsdebitazione e debiti previdenzialiEsdebitazione del socio illimitatamente responsabile

Presupposti, collaborazione
Comportamenti posti in essere prima di apertura del fallimento
Ritardato o contribuito a ritardare lo svolgimento della procedura

Presupposti, reati
Caratteristiche del delitto
Condanna per bancarotta semplice documentaleCondanna per il reato di emissione di assegni a vuotoApplicazione della pena su richiestaProcesso penale pendenteRiabilitazioneRiabilitazione delle società commerciali

Presupposti, soddisfazione dei creditori
Espressione 'neppure in parte'
Pagamento in minima parte dei lavoratori dipendentiParziale soddisfacimento di almeno una parte dei creditori privilegiatiObblighi di mantenimento ed alimentari, obbligazioni estranee alla impresaSocio di società di persone e soddisfo dei creditori particolari del socioSubingresso dei soci alla società estinta nella titolarità di un credito insinuato

Procedimento
Istanza di esdebitazione precedente al rendiconto finale
Audizione di tutti i creditori ammessi al passivo e non integralmente soddisfattiIncapacità a testimoniareOpposizione a dichiarazione di fallimento e sopravvenuta riabilitazioneNatura autonoma del procedimento di riabilitazioneProcedimento di riabilitazione

Altro
Pubblico registro dei falliti
Disciplina transitoriaRevoca del fallimento di una societàChiusura del fallimentoQuestioni di legittimità costituzionale




Presupposti, soddisfazione dei creditori
Espressione 'neppure in parte'

Fallimento – Esdebitazione – Art. 142 secondo comma l. fall. – Requisito oggettivo – Parziale soddisfazione – Valutazione discrezionale – Condizioni
Con riferimento al requisito oggettivo richiesto dal secondo comma dell’art. 142 l. fall. (che la norma definisce con formulazione negativa “l’esdebitazione non può essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali”), la norma va interpretata alla stregua della ratio legis ricostruita dalla giurisprudenza della Suprema Corte, per cui, a fronte di un dato letterale che presenta ampi margini di equivocità, deve essere privilegiata un’interpretazione che consenta un’ampia applicazione dell’istituto dell’esdebitazione, pertanto non limitata all’ipotesi – nella realtà del tutto eccezionale – in cui all’esito della procedura fallimentare siano stati soddisfatti tutti i creditori privilegiati e, seppure in minima parte, anche i creditori chirografari.

Pertanto, non essendo previsto dalla norma un limite quantitativo minimo, in ordine all’entità dei crediti che dovrebbero essere stati soddisfatti, rispetto al totale, per poter accedere all’esdebitazione, va condivisa la giurisprudenza della Suprema Corte per cui la condizione di soddisfacimento, almeno parziale, dei creditori concorsuali, prevista dall'art. 142, comma 2, l.fall., deve intendersi realizzata anche quando talune categorie di creditori (nella specie, i creditori chirografari) non abbiano ricevuto alcunché in sede di riparto (Cass, sez. I 08 agosto 2016, n. 16620).

E’ in ogni caso compito del giudice – con il suo prudente apprezzamento – accertare quando “la consistenza dei riparti realizzati consenta di affermare che l’entità dei versamenti effettuati, valutati comparativamente rispetto a quanto complessivamente dovuto, costituisca quella parzialità dei pagamenti richiesti per il riconoscimento del beneficio sul quale è controversia” (così in motivazione S.U. n. 24215 del 2011). (Astorre Mancini) (riproduzione riservata) Tribunale Rimini, 21 Marzo 2019.


Fallimento - Esdebitazione - Condizione di soddisfacimento almeno parziale dei creditori 
In tema di procedimento di esdebitazione, la condizione di soddisfacimento, almeno parziale, dei creditori concorsuali, prevista dall’art. 142 comma 2 L. fall. deve ritenersi realizzata anche quando talune categorie di creditori (nella specie, i creditori chirografari) non abbiano ricevuto alcunché in sede di riparto. (Barnaby Dosi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 20 Aprile 2017, n. 9917.


Fallimento - Esdebitazione - Requisito del mancato pagamento 'neppure in parte' dei creditori concorsuali - Mancato pagamento totale di alcuni creditori senza distinzione tra privilegiati e chirografari - Valutazione rimessa alla prudente valutazione del giudice di merito mediante comparazione rispetto all'ammontare dei debiti
Il requisito richiesto per l'esdebitazione per cui il beneficio può essere concesso qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali, puo' ritenersi integrato anche quando taluni creditori non siano stati affatto pagati, senza distinzione fra privilegiati e chirografari, essendo rimesso alla prudente valutazione del giudice di merito la comparazione di tale consistenza, rispetto a quanto complessivamente dovuto (cfr. Cass., Sez. Un., n. 24214 del 18/11/2011). (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Tribunale Treviso, 10 Maggio 2016.


Fallimento ed altre procedure concorsuali - Fallimento - Cessazione - Chiusura del fallimento - Effetti - Esdebitazione - Fallimento chiuso con decreto anteriore alla data del 16 luglio 2006 di entrata in vigore del d.lgs. n. 5 del 2006 - Ammissibilità dell'istanza - Sussistenza - Fondamento
In tema di esdebitazione, la condizione di soddisfacimento, almeno parziale, dei creditori concorsuali, prevista dal secondo comma dell'art. 142 legge fall., deve intendersi realizzata anche quando talune categorie di creditori (nella specie, i creditori chirografari) non abbiano ricevuto alcunché in sede di riparto. Cassazione civile, sez. I, 14 Giugno 2012.


Esdebitazione ammissione al beneficio nell'ipotesi in cui venga pagata una percentuale comunque significativa
L'art. 142, comma 2, legge fallimentare, laddove prevede che l'esdebitazione non possa essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali, deve essere interpretato nel senso di ammettere l'accesso del debitore già fallito al beneficio suddetto nell'ipotesi in cui venga pagata ai creditori una percentuale comunque significativa in riferimento all'entità del passivo sia privilegiato che chirografario accertato. (Anna Serafini) (riproduzione riservata) Tribunale Udine, 18 Maggio 2012.


Fallimento - Esdebitazione - Soddisfazione almeno parziale di tutti i creditori - Esclusione - Prudente apprezzamento del giudice nell'accertamento delle condizioni.
L'art. 142, co. 2, l.f. deve essere interpretato nel senso che, per la concessione del beneficio dell'esdebitazione, non è necessario che tutti i creditori concorsuali siano soddisfatti almeno parzialmente, bensì è sufficiente che almeno parte dei creditori sia stata soddisfatta, essendo invero rimesso al prudente apprezzamento del giudice accertare quando la consistenza dei riparti realizzati consenta di affermare che l'entità dei versamenti effettuati, valutati comparativamente rispetto a quanto complessivamente dovuto, costituisca quella parzialità dei pagamenti richiesta per il riconoscimento del beneficio. (Giulia Gabassi) (riproduzione riservata) Cassazione Sez. Un. Civili, 18 Novembre 2011, n. 24215.


Fallimento ed altre procedure concorsuali - Fallimento - Cessazione - Chiusura del fallimento - Effetti - Esdebitazione - Condizioni ostative - Mancato soddisfacimento, almeno in parte, dei creditori concorsuali - Portata - Mancate ripartizioni utili in favore di alcuni creditori - Irrilevanza - Fondamento
In tema di esdebitazione (istituto introdotto dal d.lgs. 9 gennaio 2006, n. 5), il beneficio della inesigibilità verso il fallito persona fisica dei debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti richiede, ai sensi dell'art. 142, comma secondo, legge fall., che vi sia stato il soddisfacimento, almeno parziale, dei creditori concorsuali, dovendosi intendere realizzata tale condizione, in un'interpretazione costituzionalmente orientata e coerente con il "favor" per l'istituto già formulato dalla legge delegante (art. 1, comma 6, lett. a), n. 13 della legge 14 maggio 2005, n. 80), anche quando taluni di essi non siano stati pagati affatto, essendo invero sufficiente che, con i riparti almeno per una parte dei debiti esistenti, oggettivamente intesi, sia consentita al giudice del merito, secondo il suo prudente apprezzamento, una valutazione comparativa di tale consistenza rispetto a quanto complessivamente dovuto; una diversa conclusione, volta ad assicurare il pagamento parziale ma verso tutti i creditori, introdurrebbe invero una distinzione effettuale irragionevole tra fallimenti con creditori privilegiati di modesta entità ed altri e non terrebbe conto del fatto che il meccanismo esdebitatorio, pur derogando all'art. 2740 cod. civ., è già previsto nell'ordinamento concorsuale, all'esito del concordato preventivo (art. 184 legge fall.) e fallimentare (art. 135 legge fall.) e, nel fallimento, opera verso le società con la cancellazione dal registro delle imprese chiesta dal curatore (art. 118, secondo comma, legge fall.). (massima ufficiale) Cassazione Sez. Un. Civili, 18 Novembre 2011, n. 11279.


Fallimento - Esdebitazione - Presupposti - Soddisfazione, anche solo parziale, di tutti i creditori - Esclusione.
Per la concessione del beneficio della esdebitazione, previsto dall'articolo 142, legge fallimentare, è sufficiente che la liquidazione abbia consentito il soddisfacimento, anche parziale, di alcuni soltanto dei creditori concorsuali. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Terni, 09 Marzo 2011.


Esdebitazione - Presupposti - Soddisfazione anche in minima parte di tutti i creditori - Necessità.
L'interpretazione secondo la quale l’esdebitazione non può essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in minima parte, tutti i creditori concorsuali, trova conferma nella sentenza numero 181 del 2008 della Corte Costituzionale, la quale ha affermato che il legislatore, con l'istituto della esdebitazione, ha inteso dettare una disciplina applicabile non all'intero debito ma alla parte di esso rimasta insoddisfatta dopo la chiusura del fallimento. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Bergamo, 11 Ottobre 2010.


Fallimento – Esdebitazione – Ammissione – Presupposto oggettivo. (12/10/2010)
Il beneficio dell’esdebitazione è subordinato al soddisfacimento almeno parziale di tutti i creditori concorrenti, il che implica che il fallimento si sia chiuso con una ripartizione dell’attivo, grazie alla quale tutti i creditori ammessi al passivo abbiano ricevuto un pagamento, ancorché in misura minima. (Giovanni Carmellino) (riproduzione riservata) Tribunale Roma, 21 Settembre 2010, n. 0.


Fallimento – Esdebitazione – Ammissione – Presupposto oggettivo. (12/10/2010)
La disposizione dell’art. 142, comma secondo, legge fallimentare, che vieta la concessione del beneficio «qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali», deve essere interpretata in stretta correlazione con la disposizione dell’art. 143, comma primo, legge fallimentare, nel senso che il soddisfacimento «in parte» è il soddisfacimento non integrale di tutti i debiti (rectius: crediti), cui si riferisce tale ultima disposizione, e non già il soddisfacimento di una parte, ossia di alcuni o di uno solo, dei creditori concorrenti. Da ciò consegue che la pronuncia liberatoria è possibile solo se tutti i debiti da dichiarare inesigibili siano stati tutti parzialmente soddisfatti e non è, viceversa, possibile qualora vi siano debiti per nulla soddisfatti. (Giovanni Carmellino) (riproduzione riservata) Tribunale Roma, 21 Settembre 2010, n. 0.


Fallimento – Esdebitazione – Presupposti – Creditori concorsuali – Privilegiati e chirografari. (20/07/2010)
L’esdebitazione è un beneficio concesso al debitore meritevole, qualora il fallimento abbia effettuato anche un solo riparto in favore dei creditori privilegiati. I creditori concorsuali debbono essere avvisati per consentire loro di partecipare all’udienza, ma non possono opporsi all’esdebitazione per non essere stati soddisfatti, ma soltanto per motivi connessi alla meritevolezza del debitore. (Giuseppe Limitone) (riproduzione riservata) Tribunale Vicenza, 01 Dicembre 2009.


Esdebitazione - Condizioni - Crediti concorsuali insoddisfatti - Nozione.
La esdebitazione è possibile solo se tutti i debiti da dichiarare inesigibili siano stati almeno parzialmente soddisfatti e non può essere concessa qualora vi siano crediti del tutto incapienti. (Mauro Bernardi) (riproduzione riservata) Tribunale Rovigo, 22 Gennaio 2009.


Fallimento – Esdebitazione – Condizione del pagamento di parte dei creditori – Pagamento parziale anche di un solo creditore – Ammissibilità
In tema di esdebitazione, deve condividersi la soluzione secondo cui l’espressione “neppure in parte” di cui all’art. 142 comma 2, legge fallim., attesa la non specifica indicazione legislativa, non può riferirsi solo alla parte del credito soddisfatto, ma anche al numero dei creditori soddisfatti che ricevono parte del loro credito, secondo l’ordine di legge, con la conseguenza che anche solo il pagamento parziale di un creditore (privilegiato o chirografario) potrà integrare la condizione per ottenere l’esdebitazione. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Piacenza, 08 Maggio 2008.


Fallimento – Esdebitazione – Parziale pagamento di parte dei creditori privilegiati – Ammissibilità.
L’art. 142, 2 comma legge fall. deve essere interpretato nel senso che per accedere al beneficio dell’esdebitazione è sufficiente il parziale soddisfacimento di almeno una parte dei creditori privilegiati, non essendo indispensabile che detto parziale pagamento riguardi tutti i creditori. (Laura De Simone) (riproduzione riservata) Tribunale Mantova, 03 Aprile 2008.