Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 122 ∙ (Concorso dei vecchi e nuovi creditori)


Riapertura del fallimento obblighi di restituzione posti dall'art.140 legge fall.
Tutte le MassimeCassazione
Riapertura del fallimento e unitarietà della procedura concorsualeRiapertura del fallimento e prosecuzione della procedura originariaRiapertura del fallimento obblighi di restituzione posti dall'art.140 legge fall.Riapertura del fallimento a seguito di risoluzione del concordato e modificabilità delle statuizioni sull'ammissione dei crediti al passivoRiapertura del fallimento e debito assunto dal fallito in costanza della fase iniziale del fallimentoRiapertura del fallimento ed inefficacia dell'ipoteca giudiziale iscritta posteriormente


Riapertura del fallimento obblighi di restituzione posti dall'art.140 legge fall.

Fallimento ed altre procedure concorsuali - Concordato preventivo - Annullamento e risoluzione - Effetti - Dichiarazione di fallimento consecutiva - Irretrattabilità delle somme riscosse dai creditori nella procedura di concordato preventivo - Assolutezza - Esclusione - Pagamenti attuati in violazione delle cause legittime di prelazione - Estraneità alle finalità del concordato - Sussistenza - Fattispecie.
In materia di risoluzione del concordato preventivo, si applica il principio per cui gli obblighi di restituzione posti dall'art.140 legge fall. (dettato in materia di concordato fallimentare) a carico dei creditori costituiscono un effetto ordinario della apertura del fallimento consecutivo ogni qual volta non vi sia stata salvezza, nei pagamenti attuati in costanza della procedura concorsuale minore, delle cause legittime di prelazione. (Nella fattispecie la S.C. ha confermato la pronuncia dei giudici di merito che, sul presupposto che alla banca creditrice chirografaria era stato effettuato un pagamento senza che prima fosse soddisfatto il credito privilegiato dell'I.N.P.S.,avevano condannato il creditore "accipiens" alla restituzione in favore del fallimento di quanto riscosso, negando inoltre ogni rilievo di natura pregiudiziale alla valutazione dell'insieme dell'attivo ovvero delle prospettive della liquidazione fallimentare,essendo la predetta esigenza di recupero delle somme versate in violazione della "par condicio creditorum" diretta conseguenza della risoluzione ai sensi dell'art.186 legge fall.). (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 03 Agosto 2007, n. 17059.