Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 114 ∙ (Restituzione di somme riscosse)


Intangibilità dei riparti
Tutte le MassimeCassazione
Intangibilità dei ripartiCreditore ammesso tardivamente al passivoCreditore che abbia proposto opposizione allo stato passivoAttivo disponibile al momento della ammissione al passivoRiduzione dei riparti ricevuti da altri creditoriApplicazione estensiva della disciplina contenuta nell'art. 114Provvedimento abnorme di assegnazione di sommeDefinitività del riparto parziale


Intangibilità dei riparti

Fallimento – Riparto – Efficacia endofallimentare del decreto di esecutività dello stato passivo – Coordinamento con il principio dell'intangibilità dei riparti
L'efficacia endofallimentare del decreto di esecutività dello stato passivo deve essere coordinata con il principio dell'intangibilità dei riparti dell'attivo eseguiti nel corso della procedura, principio che soffre la sola eccezione contemplata espressamente dall'art. 114 l.fall. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 23 Novembre 2012, n. 20748.


Fallimento - Ripartizione dell'attivo - Immutabilità delle ripartizioni - Restituzione di quanto distribuito in precedenza - Esclusione
Poiché le ripartizioni già eseguite in forza di riparti divenuti definitivi sono immutabili, i creditori che abbiano proposto opposizione allo stato passivo non possono chiedere la restituzione di quanto distribuito in precedenza, anche se ciò sia avvenuto in violazione della "par condicio creditorum", fatta eccezione per i casi di revocazione come previsto dall’art. 114, comma 2, l.fall. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Appello Genova, 03 Aprile 1997.